Il primo ministro russo Dmitri Medvedev e il suo governo hanno rassegnato le dimissioni. Al suo posto, il presidente russo Vladimir Putin ha proposto il capo del servizio fiscale federale russo, Mikhail Mishustin. Una decisione che arriva inaspettata nel giorno in cui Putin, con mandato in scadenza nel 2024, ha proposto una riforma della Costituzione – dibattito in corso da mesi in Russia – per aumentare i poteri del Parlamento e del governo, suggerendo in particolare che la modifica preveda che spetti al Parlamento, e non più al presidente, la nomina di premier e membri del governo. E nel suo discorso alla nazione tenuto davanti ai parlamentari a Camere della Duma riunite ha aperto di nuovo, come già fatto a fine dicembre, alla possibilità di eliminare il termine dei due mandati consecutivi e renderlo più stringente, a un massimo di due mandati. Eventualità che lo renderebbe non ricandidabile, anche se non si esclude che possa tornare ad essere premier dopo il 2024, visto che ha ricoperto questa carica per un solo mandato dal 2008 al 2012. Medvedev, che resterà in carica fino alla formazione di un nuovo governo, sarà nominato da Putin vice nel Consiglio di sicurezza presidenziale.

La proposta di riforma – Il presidente ha detto che il Paese “non ha bisogno” di una nuova Costituzione, poiché il suo potenziale “è ancora attuale”, ma è possibile procedere ad alcune modifiche per “bilanciare” meglio i poteri dello Stato. E tra le modifiche c’è proprio quello del vincolo per il presidente “a non più di due mandati”, il divieto per gli alti funzionari di avere “altri passaporti” oltre a quello russo, e il potere del Parlamento di nominare il premier e i ministri. Tutte modifiche che, se apportate, dovranno comunque essere sottoposte a referendum. La struttura presidenziale, però, non è in discussione. Putin ha detto di voler concedere alla Duma il potere di nominare il premier, i vice premier e i ministri, ma con il Capo dello Stato che, comunque, mantiene gran parte del potere nelle sue mani, avendo anche la possibilità di rimuovere il premier e i ministri. I russi, ha spiegato, vogliono vedere “dei cambiamenti” e il governo deve adattarsi per garantire l’attuazione del programma di sviluppo del Paese, citando come primi punti sui quali lavorare il problema demografico legato a un sostanzioso programma di sostegno alle famiglie a basso reddito.

Putin: “Incoraggiare nuove nascite” – Il suo discorso sullo stato della nazione è stato incentrato sulla necessità di incoraggiare la crescita della popolazione e creare nuovi incentivi per la crescita economica. Il leader del Cremlino ha affermato che le autorità hanno bisogno di fare di più per incoraggiare nuove nascite e sostenere le famiglie giovani. Putin sottolinea che i redditi bassi restano un ostacolo chiave per l’aumento della popolazione: attualmente la Russia, paese più grande al mondo, è soltanto nono per popolazione, con 147 milioni di abitanti. A suo parere, il Paese affronta le conseguenze del collasso economico post-sovietico, che ha portato un considerevole calo delle nascite. Putin ha promesso che il governo offrirà sussidi aggiuntivi alle famiglie con bambini. Alla base della crisi demografica gli stipendi bassi: “C’è un problema acuto – ha affermato – che rappresenta una minaccia diretta al nostro futuro demografico. Si tratta dei bassi redditi di una parte sostanziale dei nostri cittadini, delle famiglie”. Secondo i dati citati dal leader del Cremlino, circa il 70-80% dei nuclei con redditi bassi hanno figli. “Anche se entrambi i genitori lavorano – ha affermato – queste famiglie hanno comunque ancora entrate molto modeste“. Il presidente russo interviene anche sulla nuova tensione internazionale, in particolar modo sui fronti Iran e Libia, affermando che “i conflitti regionali in Medio Oriente potrebbero sfociare in una guerra globale“, sottolineando le “minacce alla comunità internazionale”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Russia, così Putin riorganizza le istituzioni per mantenere il potere anche fuori dal Cremlino

next
Articolo Successivo

Giulio Regeni, costituita una nuova squadra investigativa egiziana: “Prenderemo tutte le misure necessarie per far emergere la verità”

next