Nel precedente governo i porti non sono mai stati chiusi effettivamente, perché, anche se c’era il divieto, i migranti poi sbarcavano su indicazione della magistratura. Gli sbarchi invece a settembre sono aumentati perché la maggior parte dei migranti proveniva dalla Tunisia, dove non c’era un governo“. Così, a “Otto e mezzo” (La7), la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese risponde alle critiche del suo predecessore, Matteo Salvini.
E aggiunge: “Ogni periodo storico va contestualizzato, non è che si può fare un discorso di carattere generale”.
“Temo che li chieda troppo”, replica sarcasticamente la conduttrice Lilli Gruber.

La ministra dell’Interno risponde anche sulla vicenda Gregoretti e sul processo che rischia Salvini: “E’ la regola generale: c’è un tribunale dei ministri e, a seconda della decisione presa, l’ex ministro dovrà andare o meno davanti ai magistrati ordinari. Questa è la regola generale. Nessuno di noi può sottrarsi o è sottratto alle leggi vigenti. E vale anche per un ex ministro. Non credo che io debba entrare in certe dinamiche che porta avanti Salvini”.

Lamorgese risponde poi a Gruber, che ricorda la sua sobrietà istituzionale: “Un ministro dell’Interno non è che debba parlare tanto, ma deve operare. Rilascio ogni tanto una intervista per dare dei numeri, dei fatti, dei risultati che stiamo ottenendo al governo. Ritengo che il ruolo del ministro dell’Interno sia un ruolo di garanzia e, in virtù di questo, un ministro dell’Interno deve essere fuori dalle scene. La mia non è una strategia di comunicazione, ma un mio modo di essere come persona e, a maggior ragione, nell’ambito della mia amministrazione”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Decreti Sicurezza, ministra Lamorgese a La7: “Amplieremo le categorie di permessi umanitari. Multe più basse per Ong”

next
Articolo Successivo

La7, scontro Senaldi-Davigo: “Oggi poca fiducia nei magistrati”. “20 anni di disinformazione che ha dipinto giudici come carnefici”

next