La conferma arriva da un’inchiesta della Bbc: la politica e attivista curda Hevrin Khalaf, uccisa il 12 ottobre scorso nel nord-est della Siria durante l’offensiva turca contro le forze curde Ypg, è stata assassinata da Ahrar al-Sharqiya, fazione dell’Esercito nazionale siriano cooptato da Ankara per combattere al suo fianco. Il reportage della Bbc che lo sostiene parla di “prove convincenti” raccolte mettendo insieme testimonianze sul campo e un’analisi satellitare per comprovare alcuni video diffusi nei mesi scorsi da cui emergeva la responsabilità della milizia filo-turca, che continua però a negare ogni responsabilità.

Secondo la Bbc – che dunque esclude l’ipotesi che sia stata uccisa dall’Isis, visto che i fondamentalisti islamici la consideravano una miscredente – i miliziani di Ahrar al-Sharqiya avevano stabilito un check-point lungo l’autostrada strategica M4, sparando contro l’auto dell’attivista, che viaggiava da al-Hasakah verso Raqqa, e uccidendo l’autista Farhad Ramadan. L’attivista è stata invece uccisa dopo aver subito brutali violenze. Khalaf è diventata un simbolo internazionale della denuncia contro l’offensiva turca contro i curdi in Siria.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trump ha attaccato ‘per fermare una guerra, non per iniziarla’. Peccato per gli ‘effetti collaterali’

next
Articolo Successivo

Trump, Stephen King e Don Winslow contro la sua portavoce: “Doniamo 200mila dollari se inizia a lavorare”

next