Canguri in fuga, koala avvolti in coperte ignifughe, una bambina alla guida, sola e con una mascherina sul viso, di una barca a motore sullo sfondo rosseggiante delle fiamme incombenti, che hanno spinto migliaia di persone a cercare rifugio sulle spiagge. Le immagini dell’Australia che invadono social e media internazionali accorciano le distanze e mostrano un Paese-continente comunemente percepito come tranquillo e prospero, preda di incendi devastanti e sull’orlo di una crisi umanitaria e ambientale senza precedenti. Per la giornata di sabato è atteso un nuovo picco di calore, con le temperature che raggiungeranno i 46 gradi. Per questo le autorità hanno dato ai turisti 48 ore di tempo per lasciare le zone della costa sudorientale del Paese, dove si temono nuovi incendi. Solo negli ultimi tre giorni sono morte 8 persone, portando il numero delle vittime a 18 dall’inizio dell’emergenza.

I pompieri del Nuovo Galles del Sud hanno chiesto oggi ai turisti di lasciare le zone lungo i 200 chilometri di costa, dalla pittoresca città di Batemans Bay (che si trova a circa 300 chilometri a sud di Sydney) verso il sud e lo Stato di Vittoria. I turisti dovrebbero lasciare l’Australia entro sabato, considerata una giornata nera sul fronte degli incendi con temperature previste superiori ai 46 gradi. In questi giorni il fumo degli incendi era visibile dalla Nuova Zelanda, a più di 2.000 chilometri dalla costa australiana, dove la foschia tingeva il cielo di arancione. Il governo centrale ha schierato aerei e navi militari per fornire aiuti ai molti residenti e ai turisti, invitati a lasciare le zone più a rischio, fuggiti verso le aree costiere e che da giorni passano le notti in automobile o all’aperto. Raggiungere le spiagge in auto è diventato quasi impossibile, e uno dei video in rete mostra una camionetta di vigili del fuoco attraversare di corsa e non senza timore una foresta infuocata. Cibo, carburante, elettricità e acqua scarseggiano nelle regioni colpite. Esaurite anche le lunghe code davanti ai supermercati: molti esercizi, ormai, hanno finito le scorte.

Gli incendi dell’ultima settimana hanno distrutto più di 200 case. Dall’inizio dell’estate quasi mille nel solo Nuovo Galles del Sud, fa sapere il Servizio antincendio. Bruciati circa 5,5 milioni di ettari, un’area più vasta dei Paesi Bassi. Enormi le perdite per fauna e vegetazione: in base a stime dell’Università di Sydney, dall’inizio dell’emergenza incendi ad oggi sarebbero morti 480 milioni di animali, poco meno di mezzo miliardo, fra questi il 30% dei koala d’Australia. La crisi senza precedenti ha scatenato proteste di piazza per esortare il governo ad agire immediatamente sui cambiamenti climatici. Nel mirino il primo ministro conservatore Scott Morrison che nel suo messaggio di Capodanno ha avvertito che le settimane e i mesi a venire “continueranno ad essere difficili” ma non ha rinunciato né allo spettacolo pirotecnico di fine anno né alle vacanze alle Hawaii.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Taiwan, precipita elicottero militare: otto morti, tra cui il capo di stato maggiore

next
Articolo Successivo

Austria, accordo di governo tra i Verdi e i popolari di Kurz. Nel programma non c’è il doppio passaporto per i Sudtirolesi

next