È Lucia Azzolina il nuovo ministro della Scuola del governo Conte 2. La già sottosegretaria all’Istruzione prende così il posto di Lorenzo Fioramonti che ha dato le dimissioni nei giorni scorsi. La decisione del premier Conte è ricaduta su di lei che è stata una delle artefici del Decreto scuola: ha infatti rappresentato il governo in Aula e in Commissione alla Camera durante la sua approvazione.

Azzolina, siciliana di 37 anni, arriva da un lungo periodo nel mondo della scuola: il primo agosto scorso ha vinto il concorso per dirigente scolastico dopo anni di insegnamento in alcuni licei. Approda alla Camera nel 2018 tra i parlamentari del Movimento Cinque Stelle. Durante il suo incarico di sottosegretaria si è spesso espressa a favore dello Ius Culturae sostenendo che “non regala la cittadinanza, ma la integra” e ritenendo necessario aprire “un sano dibattito nel Paese. Dobbiamo integrare i bimbi che lo meritano, bisogna parlarne e capire anche cosa ne pensi il mondo della scuola direttamente interessato”.

Laureata in Filosofia e Giurisprudenza, è stata anche un membro attivo del sindacato Anief, prima in Piemonte, poi in Lombardia per oltre un anno e mezzo. Rassegnate le dimissioni dal sindacato, è tornata ad insegnare all’I.I.S “Quintino Sella” di Biella. Oltre alla doppia laurea la parlamentare ha anche una specializzazione per insegnare storia e filosofia e un’abilitazione all’insegnamento per gli studenti diversamente abili.

In occasione dell’approvazione del decreto Scuola è stata criticata da alcuni movimenti di docenti italiani che l’accusavano di non aver mantenuto fede agli impegni presi in campagna elettorale. Alcune di queste critiche sono sfociate in insulti e minacce, mentre tanti sono stati i messaggi di solidarietà da parte dei suoi colleghi.

Foto dal profilo Facebook di Lucia Azzolina

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Conte, conferenza stampa di fine anno: “Sui migranti abbiamo ottenuto risultati senza clamori. I nostri porti non sono mai stati chiusi”

next
Articolo Successivo

Conte, conferenza stampa di fine anno: “Lega? Non mina la stabilità democratica, ma Salvini interpreta la leadership in modo insidioso”

next