Il titolare di una sala slot a Legnago, in provincia di Verona, è stato ucciso durante una rapina. La scorsa notte un uomo a volto coperto ha scassinato la porta sul retro e ha colpito il proprietario del locale con un bastone o una spranga. Dopo avere trafugato l’intero incasso – circa tremila euro – il rapinatore è fuggito facendo perdere le sue tracce. La vittima, Mario Piozzi, sessantenne originario della provincia di Brescia, è morto poco dopo il trasporto in ospedale in seguito al trauma cranico subito.

A trovare Piozzi è stata la figlia della socia in affari della sala giochi, che abita nello stesso palazzo: arrivata sul posto lo ha visto a terra, in una pozza di sangue. Ha chiamato la madre, che ha subito dato l’allarme. Sul caso stanno indagando i carabinieri del Nucleo investigativo del Comando provinciale di Verona insieme ai colleghi della Compagnia di Legnago. Secondo una prima ricostruzione, l’omicida conosceva bene il locale: per entrare ha infatti usato l’uscita secondaria, sul retro. Una volta scassinata la porta si è trovato di fronte Piozzi: lo ha colpito più volte alla testa, anche quando era già a terra, e poi si è diretto verso la cassa, che conteneva circa tremila euro. L’arma del delitto non è ancora stata trovata: le telecamere di sicurezza del locale non sono state d’aiuto agli inquirenti, che perciò stanno controllando anche le immagini dei circuiti delle abitazioni vicine.

Si indaga sul passato di Piozzi – prima barista, poi tabaccaio e infine titolare di una sala slot – ma secondo gli inquirenti non avrebbe avuto nemici. La pista più seguita porta invece a uno dei frequentatori abituali del locale: questo spiegherebbe la singolare ferocia dell’omicida in relazione all’esiguità del bottino della rapina. Non è escluso che a spingere l’assassino al colpo disperato sia stato proprio il periodo natalizio e la necessità di procurarsi del denaro facile da spendere per le feste.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, due sedicenni travolte a Ponte Milvio: sull’auto il figlio del regista Paolo Genovese. “È risultato positivo al test per alcol e droga”

next
Articolo Successivo

L’Espresso: “La stessa Colt usata per uccidere il giudice Mario Amato usata per assassinare Piersanti Mattarella. Delitti fascio-mafiosi”

next