iFixit, testata specializzata nel “teardown” ossia nello smontare i dispositivi per analizzarne l’interno al fine di valutarne riparabilità e possibilità di aggiornamento, ha promosso il computer desktop Apple Mac Pro. Per il colosso californiano si tratta di una piacevole novità, visto che solitamente i suoi prodotti sono praticamente “sigillati”, con scarsissime possibilità di intervenire sulla riparazione, meno ancora sull’espandibilità. Ovviamente non parliamo solo di smartphone e tablet che, per dimensioni, sono quasi forzatamente realizzati in questa maniera da quasi tutti i produttori, ma anche di notebook e persino di computer desktop.

Questo non significa che gli altri prodotti Apple non siano riparabili durante il periodo in cui sono in garanzia, ma che per intervenire su di essi serve il know-how e gli strumenti dei centri di riparazione ufficiali, a cui non ci si può rivolgere scaduta la garanzia. Sostituire un display di smartphone o aumentare la RAM di un portatile o di un PC solitamente è facile, ma non per i prodotti Apple, ecco perché il voto positivo dato da iFixit ai nuovi Apple Mac pro ha sorpreso positivamente.

Gli aspetti che più hanno influito sul voto finale di iFixit sono due: modularità e facilità nello smontare la componentistica interna con attrezzi standard. All’interno infatti il Mac Pro somiglia tantissimo a un PC standard, con una scheda madre modulare su cui innestare i principali componenti, nonché l’adozione di socket e interfacce standard del settore. Apple inoltre avrebbe anche ‎inserito alcuni diagrammi per lo smontaggio direttamente sul dispositivo, e addirittura pubblicato manuali di riparazione gratuiti per alcune tipologie di intervento. ‎‎Il Mac Pro poi può anche essere smontato utilizzando strumenti standard o, in alcuni casi, addirittura senza necessità di utilizzare alcuno strumento.

‎Gli unici inconvenienti rilevati da iFixit riguardano gli SSD su misura utilizzati da Apple e la difficoltà che potrebbero trovare alcuni utenti nell’individuare eventuali parti di ricambio che non sono sulla lista limitata ‎‎ ‎‎di riparazioni approvate ‎‎da Apple.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

IBM, batteria più ecologica grazie a minerali marini al posto dei metalli pesanti

next
Articolo Successivo

Digitale, presentato il piano di innovazione. Bello, ma senza soldi sarà difficile realizzarlo

next