Apple, mercoledì scorso, ha presentato il nuovo Mac Pro, la sua linea desktop professionale, e il Display XDR, un monitor da 32 pollici con risoluzione 6K. In pratica due prodotti ad altissime prestazioni potenzialmente da abbinare al recente Macbook Pro da 16 pollici.

Ad oggi non è ancora chiaro quando verranno esattamente distribuiti: Apple ha confermato genericamente dicembre ma secondo il parere degli esperti certamente non potrà che avvenire prima di Natale – almeno la prenotazione. L’ultimo aggiornamento indica che la Federal Communicitations Commission ha concesso la certificazione.

“Progettato per offrire il massimo in termini di prestazioni e opzioni di espansione e configurazione, Mac Pro integra processori Xeon di classe workstation con fino a 28 core (il base è a 8-core, NdR.), 1,5TB di memoria ad alte prestazioni, otto slot di espansione PCIe e la scheda grafica più potente del mondo”, sottolinea con enfasi Apple. Sotto il profilo grafico in effetti si parla di due MPX Module con Radeon Pro Vega II Duo; con una potenza nominale massima di 56 teraflop e una dotazione di memoria di 128 GB.

Il Pro Display XDR invece è un monitor, spesso 9 mm, con pannello LCD Retina 6K da 32pollici con una gamma cromatica P3, colore a 10 bit, luminosità massima di 1600 nit, contrasto di 1.000.000:1 e angolo di visualizzazione ultra ampio.

“Abbiamo progettato il Mac Pro per gli utenti che necessitano di un sistema modulare con prestazioni e opzioni di espansione e configurazione ai massimi livelli. Con potenti processori Xeon, eccezionale capacità di memoria, rivoluzionaria architettura GPU, espansione PCIe, acceleratore hardware Afterburner e un design spettacolare, il nuovo Mac Pro è un portento che permetterà ai professionisti di lavorare come mai prima d’ora”, ha dichiarato Phil Schiller, Senior Vice President Worldwide Marketing di Apple. “Pro Display XDR è il display professionale migliore al mondo e il match perfetto per il nuovo Mac Pro. Con una risoluzione Retina 6K, splendidi colori, luminosità e contrasto spettacolari, e un design altamente funzionale, il Pro Display XDR ha una serie di funzioni mai viste sugli altri display di questa fascia di prezzo”.

Il Mac Pro è insomma un prodotto ricercato, anche nel design. Si affida a un telaio in acciaio inossidabile e a un guscio in alluminio accessibile da ogni lato per agevolare l’installazione di componenti. Il prezzo in euro non è stato ancora svelato: negli Stati Uniti si parte da 5999 dollari, al cambio più di 5400 euro. La nota di colore è che questa workstation nella configurazione più potente e dotata arriva a superare i 50mila dollari – come d’altronde soluzioni analoghe di altri marchi.

Il Pro Display XDR ha un prezzo a partire da 4999 dollari, al cambio poco più di 4500 euro. Però bisognerà eventualmente aggiungere anche lo stand che costa 999 dollari oppure l’adattatore VESA per l’installazione a muro da 199 dollari.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Per i identificare i droni DJI sconosciuti e monitorare i loro spostamenti basterà uno smartphone

next
Articolo Successivo

Microsoft Cortana, addio all’app per Android e iOS a gennaio 2020

next