Apple, mercoledì scorso, ha presentato il nuovo Mac Pro, la sua linea desktop professionale, e il Display XDR, un monitor da 32 pollici con risoluzione 6K. In pratica due prodotti ad altissime prestazioni potenzialmente da abbinare al recente Macbook Pro da 16 pollici.

Ad oggi non è ancora chiaro quando verranno esattamente distribuiti: Apple ha confermato genericamente dicembre ma secondo il parere degli esperti certamente non potrà che avvenire prima di Natale – almeno la prenotazione. L’ultimo aggiornamento indica che la Federal Communicitations Commission ha concesso la certificazione.

“Progettato per offrire il massimo in termini di prestazioni e opzioni di espansione e configurazione, Mac Pro integra processori Xeon di classe workstation con fino a 28 core (il base è a 8-core, NdR.), 1,5TB di memoria ad alte prestazioni, otto slot di espansione PCIe e la scheda grafica più potente del mondo”, sottolinea con enfasi Apple. Sotto il profilo grafico in effetti si parla di due MPX Module con Radeon Pro Vega II Duo; con una potenza nominale massima di 56 teraflop e una dotazione di memoria di 128 GB.

Il Pro Display XDR invece è un monitor, spesso 9 mm, con pannello LCD Retina 6K da 32pollici con una gamma cromatica P3, colore a 10 bit, luminosità massima di 1600 nit, contrasto di 1.000.000:1 e angolo di visualizzazione ultra ampio.

“Abbiamo progettato il Mac Pro per gli utenti che necessitano di un sistema modulare con prestazioni e opzioni di espansione e configurazione ai massimi livelli. Con potenti processori Xeon, eccezionale capacità di memoria, rivoluzionaria architettura GPU, espansione PCIe, acceleratore hardware Afterburner e un design spettacolare, il nuovo Mac Pro è un portento che permetterà ai professionisti di lavorare come mai prima d’ora”, ha dichiarato Phil Schiller, Senior Vice President Worldwide Marketing di Apple. “Pro Display XDR è il display professionale migliore al mondo e il match perfetto per il nuovo Mac Pro. Con una risoluzione Retina 6K, splendidi colori, luminosità e contrasto spettacolari, e un design altamente funzionale, il Pro Display XDR ha una serie di funzioni mai viste sugli altri display di questa fascia di prezzo”.

Il Mac Pro è insomma un prodotto ricercato, anche nel design. Si affida a un telaio in acciaio inossidabile e a un guscio in alluminio accessibile da ogni lato per agevolare l’installazione di componenti. Il prezzo in euro non è stato ancora svelato: negli Stati Uniti si parte da 5999 dollari, al cambio più di 5400 euro. La nota di colore è che questa workstation nella configurazione più potente e dotata arriva a superare i 50mila dollari – come d’altronde soluzioni analoghe di altri marchi.

Il Pro Display XDR ha un prezzo a partire da 4999 dollari, al cambio poco più di 4500 euro. Però bisognerà eventualmente aggiungere anche lo stand che costa 999 dollari oppure l’adattatore VESA per l’installazione a muro da 199 dollari.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Per i identificare i droni DJI sconosciuti e monitorare i loro spostamenti basterà uno smartphone

prev
Articolo Successivo

Microsoft Cortana, addio all’app per Android e iOS a gennaio 2020

next