Oltre 54mila persone sono state evacuate per disinnescare un ordigno bellico ritrovato un mese fa nel cantiere di ampliamento del maxicinema Andromeda: è la più grande evacuazione della storia in Italia. All’opera per l’operazione 15 militari, esperti artificieri dell’undicesimo reggimento genio guastatori di Brindisi, unità alle dipendenze della brigata Pinerolo. L’attività è stata avviata dopo che dal Centro di coordinamento soccorso presieduto dal prefetto Umberto Guidato, è arrivata comunicazione dell’avvenuta evacuazione dell’intera zona rossa: un’area dal raggio di 1.617 metri dal luogo in cui trova l’ordigno bellico. Per rimuovere il congegno di attivazione della bomba, danneggiato da una ruspa, sono intervenuti 2 artificieri, mentre altri due hanno monitorato la situazione a breve distanza attraverso un robot dotato di una telecamera ad alta definizione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brindisi, 54mila evacuati per disinnescare una bomba danneggiata: la città deserta dalle 8. “Ordigno neutralizzato” – FOTO E VIDEO

next
Articolo Successivo

Sardine, l’assemblea a porte chiuse dopo piazza San Giovanni: all’ingresso lo striscione “Abbasso gli sgombri”

next