Braccia incrociate per i dipendenti della Safilo, dopo l’annuncio di 700 esuberi e la chiusura del sito di Martignacco, in provincia di Udine, dove lavorano 250 persone. Safilo, che ha sede a Padova e altri due stabilimenti a Longarone (Belluno) e Santa Maria di Sala (Venezia), ha annunciato un piano di riorganizzazione industriale che ha portato i lavoratori di tutti gli impianti a scioperare.

A Longarone, nel cuore del distretto dell’occhialeria bellunese, dove la contrazione annunciata di personale è di 400 addetti, i lavoratori sono scesi in strada e hanno sfilato in corteo lungo la statale Alemagna, con il supporto di diversi dipendenti di altre aziende del distretto. A Martignacco – che dovrebbe chiudere il 7 gennaio 2020 – tutti i 250 dipendenti hanno incrociato le braccia e si sono fermati in presidio, con parziale blocco del traffico, davanti al piazzale dell’azienda.

La maggior parte dei dipendenti dell’azienda – circa l’80% – sono donna, la maggior parte tra i 40 e i 50 anni. E ora temono di non trovare una nuova occupazione. “No agli esuberi e contratti di solidarietà con contestuale riduzione dell’orario distribuita nell’ambito di tutto il gruppo”, è la richiesta dei rappresentanti sindacali della provincia di Udine di Filctem-Cgil, Femca Cisl e Uiltec, in risposta all’annuncio del piano dell’ad Angelo Trocchia.

Per i sindacati è inaccettabile “la rinuncia a un sito che vanta livelli altissimi di efficienza e macchinari all’avanguardia, segnando la scomparsa del Friuli dalla mappa del gruppo Safilo, dieci anni dopo la chiusura dello stabilimento di Precenicco”. I lavoratori, insieme alla Regione Veneto e al Friuli Venezia Giulia, hanno chiesto almeno di garantire ammortizzatori sociali, oltre a un tavolo urgente davanti al ministero per lo Sviluppo Economico.

“Questo è un fronte drammatico che vede coinvolte 250 famiglie per le quali stiamo lavorando in maniera intensa”, ha detto l’assessore regionale alle Attività produttive della Regione Friuli Venezia Giulia, Sergio Emidio Bini, ricordando che la Regione ha chiesto al ministro Patuanelli un incontro al Mise “per la prossima settimana per comprendere quali azioni possiamo mettere in atto assieme affinché queste famiglie possano guardare ai prossimi mesi con maggior serenità”. “Parleremo anche con il Veneto – ha aggiunto – perché è necessario fare un ragionamento congiunto a tutela dei lavoratori”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Inpgi, il via libera a sostituire i giornalisti prepensionati con “altre figure” mette le basi per il collasso dell’Istituto di previdenza

next
Articolo Successivo

Reddito di cittadinanza, Inps: oltre un milione di domande accolte. Importo medio: 484 euro. In Campania quasi un quinto dei beneficiari

next