Roma e Napoli sotto la pioggia, Milano e Torino sotto la neve. Un’intensa perturbazione atlantica, rinominata “la tempesta di Santa Lucia”, questa mattina ha interessando il Nord e il Centro Italia. Disagi si sono registrati nella Capitale: in tilt la circolazione su via della Magliana, altezza via Marchetti, a causa di un allagamento. Così come in zona Verano, piazza Bologna e nel quartiere Fleming. Traffico intenso anche in via Flaminia, da via del Muro Torto a via Cristoforo Colombo. L’arrivo della perturbazione era stata già annunciato ieri e aveva convinto la sindaca Virginia Raggi a chiudere tutte le scuole, i parchi, i cimiteri e ville storiche. Una misura adottata anche dal sindaco di Napoli Luigi De Magistris. E’ allerta gialla per rischio neve, invece, a Firenze, visto che sono previste possibili nevicate anche a quote basse: su tutta la Toscana si registra il rischio di vento forte.

Intanto sono scesi i primi fiocchi di neve della stagione su Torino e Milano: deboli nevicate anche in pianura, tra Torinese e Alto Novarese, e in parte del Vercellese e del Alessandrino. La provincia di Sondrio, invece, si è svegliata sotto una fitta nevicata: tanta neve soprattutto a Livigno, Aprica, Madesimo, Valfurva, Bormio e Chiesa in Valmalenco dove hanno iniziato a funzionare a pieno regime quasi tutti gli impianti di risalita per le piste da sci. La polizia locale avverte che i valichi alpini sono transitabili unicamente con catene da neve montate. E la situazione maltempo sulle Alpi potrà peggiorare nel pomeriggio.

Pericolo valanghe in Valle d’Aosta: a Courmayeur è stata chiusa la strada della Val Ferret e in Val Veny. Divieto di transito, in entrata e uscita, sia pedonale, che con sci e con mezzi a motore e qualsiasi altro veicolo, nell’area Brenva, in particolare da piazzale Funivie Val Veny e dalla pista a valle del Tunnel del Bianco. Chiuse anche le piste di fondo della Val Ferret. È scattato il piano neve anche nel Comune di Vicenza: sono stati attivati i primi 5 mezzi per lo spargimento del sale lungo la viabilità principale. Sotto osservazione Venezia dopo le mareggiate del mese scorso: la marea questa mattina si è fermata alle 11.15 a 96 cm a Punta della Salute, in Canal Grande e alla Giudecca.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gallarate, lega a un albero il coetaneo che lo ha rapinato e lo bastona. Sua complice la fidanzata, la blogger Christina Bertevello

next
Articolo Successivo

Hellas Verona, cori razzisti dei tifosi al pub sulle note dei Village People: “Niente negri, niente negri”

next