“C’è un’emorragia, era nell’aria. Quando il Movimento non fa il Movimento perde pezzi“. A dirlo, fuori da Palazzo Madama, Gianluigi Paragone. Il riferimento è all’addio al M5s del senatore Ugo Grassi, passato ufficialmente con la Lega. “Ho votato ‘no’ alla risoluzione al Meccanismo europeo di stabilità, ma resto nel Movimento perché rappresento la base più radicale, quella che è anche euroscettica“.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sondaggi Emilia, Bonaccini davanti a Borgonzoni. In Calabria centrodestra in vantaggio anche se non ha ancora candidato

next
Articolo Successivo

M5s, voto online su organizzazione. Da Sabatini a Corrao e Toninelli: i sei facilitatori scelti da Di Maio. Castaldo: “Listino bloccato è scorretto”

next