Lo “Smart Parking” uno dei pilastri del concetto di “Smart City” viene applicato per la prima volta in Italia, a Mantova. La città intelligente, in urbanistica e in architettura è un insieme di strategie di pianificazione tese all’ottimizzazione dei servizi pubblici, in modo da mettere in relazione infrastrutture e cittadini grazie all’impiego diffuso delle nuove tecnologie della mobilità a basso impatto ambentale, dell’efficenza energetica e della comunicazione al fine di migliorare la qualità della vita.

Il progetto pilota di “smart parking” nella città dei Gonzaga è frutto della partnership tra aziende private, utility, tower company, Pubblica Amministrazione e Università. Come ben sappiamo, la ricerca di un posto auto incide negativamente sul traffico quotidiano, il rallentamento generato da un automobilista in cerca di un parcheggio è di 20 minuti al giorno.

A2A Smart City, Bosch, Cellnex, LGH, Comune di Mantova, Aster e Università di Modena e Reggio Emilia hanno lavorato congiuntamente con l’obiettivo di monitorare e comunicare in tempo reale agli automobilisti la disponibilità di stalli nel centro cittadino e di conseguenza riducendo i tempi di ricerca e quindi rendendo più fluido il flusso del traffico.

Dei sensori posizionati in corrispondenza delle aree di sosta nel centro città, sfruttando la tecnologia wireless, segnalano i parcheggi disponibili ad una piattaforma centrale. Interrogando una App, gli automobilisti avranno modo di localizzare in tempo reale il parcheggio libero più vicino alla loro destinazione, prenotarlo e, seguendo le indicazioni della mappa sul proprio telefono raggiungerlo quanto prima. Anche la funzione di pagamento del parcheggio è eseguibile da remoto.

Con questo sistema si avrà modo di migliorare anche la qualità della vita in termini di tempo, costi e salute. Con i sensori studiati e realizzato da Bosch, il tempo impiegato per la ricerca del parcheggio si ridurrà del 35% e, di conseguenza, si abbasseranno le emissioni dei gas di scarico nocivi per l’uomo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crash test EuroNCAP, cinque stelle per 9 modelli su 12. Bene le elettriche, solo 3 stelle per Jeep Renegade

next
Articolo Successivo

Tesla, la Gigafactory di Berlino produrrà mezzo milione di elettriche all’anno

next