Cinque indagati tra ex manager e dirigenti, perquisizioni e sequestri nelle sedi di Autostrade per l’Italia, Spea Engineering e Pavimental. Si apre un terzo filone nell’inchiesta della procura di Genova sulla sicurezza dell’infrastruttura autostradale ligure, nata dopo il crollo del ponte Morandi.

La Guardia di finanza è entrata negli uffici dei tre società – tutte collegate – dopo aver esaminato la documentazione sequestrata nell’ambito del procedimento sul collasso del viadotto.

Secondo quanto appreso, dalle carte dell’inchiesta sul crollo sarebbero emersi elementi indiziari su alcune criticità in materia di sicurezza delle barriere integrate modello ‘Integautos’ con specifico riferimento a quelle del primo tronco autostradale, dove sono stati registrati anche alcuni parziali cedimenti dei pannelli in A12.

I militari della Guardia di finanza sono andati alla ricerca di progetti, relazioni di calcolo, collaudi, omologazione dei materiali ma anche documenti amministrativo-contabili come l’inquadramento economico e contrattuale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Torino, la sindaca Appendino ha chiesto il rito abbreviato per i fatti di piazza San Carlo

next
Articolo Successivo

Fondi Emilia-Romagna, 8 condanne per peculato per ex consiglieri regionali Pdl

next