Apple la scorsa settimana ha confermato di aver acquistato la prima partita di alluminio “carbon-free” dalla canadese Elysis, joint venture di Alcoa Corp e Rio Tinto. Si tratta di una prima assoluta per il mercato poiché a tutti gli effetti si parla di un alluminio frutto di una lavorazione innovativa e più rispettosa dell’ambiente.

Nello specifico, come riporta Reuters, grazie a 144 milioni di dollari di investimento dei due colossi del settore, Apple e i governi di Canada e Quebec si è giunti a questa innovazione potenzialmente rivoluzionaria per il settore. La piena commercializzazione comunque avverrà più avanti e partire dal 2024 è prevista anche la vendita delle licenze tecnologiche.

L’alluminio “carbon free” della commessa Apple, che viene prodotto nello stabilimento Alcoa di Pittsburgh, sarà consegnato questo mese. Non è ancora chiaro come sarà esattamente impiegato, dato che sulle quantità c’è il massimo riserbo. Potenzialmente potrebbe essere il materiale di riferimento per molte linee prodotto – dai Mac (che usano già alluminio riciclato) agli iPhone – ma non è da escludere che Apple voglia giocarlo su qualcosa di realmente nuovo; per altro non si conoscono ancora tutte le sue caratteristiche ed eventuali limiti. Le aziende coinvolte però assicurano anche una riduzione dei costi.

L’unica certezza è che la produzione riduce l’emissione di ossido di carbonio nell’atmosfera, rispetto ai metodi tradizionali. Tradizionalmente si impiega un anodo di carbonio (cotto) per condurre l’elettricità nella miscela, generando di conseguenza molta anidride carbonica e altri gas serra di lunga durata.

Elysis si affida a un anodo ceramico e un catodo inerti che nel processo generano ossigeno. La joint-venture stima infatti che l’adozione diffusa in Canada di questa tecnologia ridurrebbe le emissioni di gas serra di 7 milioni di tonnellate all’anno – praticamente quanto producono 1,8 milioni di automobili.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

WD_Black P10, l’hard disk esterno per i videogamer che vogliono più spazio per i propri giochi

next
Articolo Successivo

ASUS VA326HR, gaming monitor Full HD da 31 pollici, su Amazon con sconto del 37%

next