Era il 2011 quando l’allora segretario della Lega Nord, Umberto Bossi, diede del “terrone” al capo dello Stato, Giorgio Napolitano, in un comizio ad Albino, in provincia di Bergamo. “Mandiamo un saluto al presidente della Repubblica” disse Bossi, seguito dalle urla dei sostenitori che chiedevano le dimissioni di Napolitano. “D’altra parte, nomen omen, Napolitano… ah, non sapevo fosse ‘terùn'”. Oggi il successore al Quirinale, Sergio Mattarella, ha concesso la grazia a Bossi per la condanna di vilipendio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

In Italia la politica è una ‘cosa da Matt’

next
Articolo Successivo

Prescrizione, Di Pietro: “Non è sufficiente, ma è necessario interromperla per far funzionare la giustizia. Rinviare la legge è solo una furbata”

next