Era il 2011 quando l’allora segretario della Lega Nord, Umberto Bossi, diede del “terrone” al capo dello Stato, Giorgio Napolitano, in un comizio ad Albino, in provincia di Bergamo. “Mandiamo un saluto al presidente della Repubblica” disse Bossi, seguito dalle urla dei sostenitori che chiedevano le dimissioni di Napolitano. “D’altra parte, nomen omen, Napolitano… ah, non sapevo fosse ‘terùn'”. Oggi il successore al Quirinale, Sergio Mattarella, ha concesso la grazia a Bossi per la condanna di vilipendio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

In Italia la politica è una ‘cosa da Matt’

next
Articolo Successivo

Prescrizione, Di Pietro: “Non è sufficiente, ma è necessario interromperla per far funzionare la giustizia. Rinviare la legge è solo una furbata”

next