Sergio Mattarella ha graziato Umberto Bossi per la condanna per vilipendio in riferimento agli insulti rivolti nel 2011 al suo precedessore al Colle, Giorgio Napolitano. In seguito alla condanna, l’ex leader della Lega era stato affidato in prova al servizio sociale. Bossi aveva ancora un anno di pena da scontare e, dopo la concessione del presidente della Repubblica, si è detto “molto contento” e ha ringraziato sia Mattarella che Napolitano.

Nel valutare la domanda di grazia, sul quale il ministro della Giustizia ha formulato “un avviso non ostativo”, il Quirinale spiega che Mattarella ha tenuto conto del “parere favorevole espresso dal Procuratore generale, delle condizioni di salute del condannato, nonché della circostanza che in relazione alle espressioni per le quali è intervenuta la condanna il presidente emerito Giorgio Napolitano ha dichiarato di non avere nei confronti del condannato ‘alcun motivo di risentimento'”.

Nel settembre 2018 la Cassazione aveva confermato un anno e 15 giorni di carcere inflitti al Senatur in secondo grado perché nel 2011, durante un comizio ad Albino, in provincia di Bergamo, definì Napolitano un “terùn” e accennò al gesto delle corna con la mano destra. Divenne così definitiva la sentenza emessa l’11 gennaio 2017 dalla corte d’Appello di Brescia. In primo grado, invece, Bossi era stato condannato a 18 mesi dal tribunale di Bergamo.

“Abbiamo subìto anche il presidente della Repubblica che è venuto a riempirci di tricolori, sapendo che non piacciono alla gente del Nord”, aveva detto Bossi il 29 dicembre di otto anni fa al Berghém Frecc, mentre da chi gli stava vicino sul palco era arrivata anche una voce che indicava le origini di Napolitano. A quel punto il leader del Carroccio ci aveva messo il carico: “Mandiamo un saluto al presidente della Repubblica. Napolitano, Napolitano, nomen omen, non sapevo fosse un terùn”. Il comizio era stato filmato e poi trasmesso sia da televisioni sia su Youtube, e molti cittadini (oltre un centinaio) da tutta Italia avevano presentato denunce contro Bossi: alcuni di loro erano anche stati sentiti come testimoni nel corso del processo a Bergamo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Dieci anni fa scendeva in piazza il Popolo viola. Oggi a muovere le Sardine è un’esigenza simile

next
Articolo Successivo

Nilde Iotti, “la ragazza dalle spalle larghe” rivive in un video: “Non dimentico mai di essere una donna e quanto è difficile per noi fare politica”

next