La Banca Popolare di Bari conferma di aver avviato “interlocuzioni, tuttora in corso”, con il Mediocredito Centrale, con il Fondo interbancario di tutela dei depositi e con le autorità di vigilanza per “individuare soluzioni che permettano di soddisfare le esigenze di rafforzamento patrimoniale della stessa”. Lo si legge in una nota sul sito della banca che “considerata la complessità delle attività in corso, comunicherà tempestivamente l’esito delle stesse non appena il quadro complessivo delle iniziative sarà concluso”. Per la banca pugliese per cui il governo sta predisponendo un piano di salvataggio da veicolare attraverso Mediocredito, la banca di Invitalia. Potrebbe esserci bisogno di un miliardo di euro.

Il Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi si riunirà giovedì per esaminare il dossier Popolare di Bari, la banca pugliese per cui il governo sta predisponendo un piano di salvataggio da veicolare attraverso Mediocredito Centrale e per cui potrebbe esserci bisogno di un miliardo di euro. La riunione, che viene confermata in ambienti bancari dopo le anticipazioni de Il Messaggero, sarà solo informativa, per analizzare una situazione in rapido divenire ma in cui il ruolo dei protagonisti e le tipologie di intervento devono ancora essere definite. Per intervenire il Fitd deve ricevere una richiesta di salvataggio basata su un piano di rilancio dettagliato, che indichi anche il fabbisogno di capitale. Ma da Bari smentiscono che oggi debba riunirsi il cda per avanzare una simile richiesta di aiuto.

Il Fitd interverrebbe a fianco di Mcc, che dovrebbe avere il ruolo di partner industriale, al pari di quanto fatto con Ccb in Carige. Ma Mcc, che al momento non ha le risorse per salvare la Bari. Non è ancora chiaro se la banca, in caso di fusione, potrà accedere alla norma del Dl Crescita che consente di trasformare le Dta (attività fiscali differite) in crediti d’imposta. Una variabile non di poco conto, che potrebbe valere fino a mezzo miliardo di euro, ma che la Ue, con cui il Mef sta dialogando, potrebbe bloccare considerandola aiuto di Stato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fiducia, a novembre crolla quella delle famiglie: è al livello più basso dal 2017. Lieve aumento per quella delle imprese

prev