Bella Ciao intonata dai commissari del gruppo dei socialisti e democratici al Parlamento europeo. I due vicepresidenti, Frans Timmermans e Maros Sefcovic, insieme a Paolo Gentiloni (Affari economici), Nicolas Schmit (Lavoro), Jutta Urpilainen (Partnership internazionali), Elisa Ferreira (Coesione e riforme) e Helena Dalli (Uguaglianza) hanno cantato la famosa canzone dei partigiani italiani, simbolo della Resistenza. All’area sovranista e di destra del nostro Paese la cosa, però, non è andata giù. In testa, tra chi ha protestato, la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni: “Un teatrino scandaloso, non hanno niente di meglio da fare?”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

I nuovi Re di Roma

di Il Fatto Quotidiano 6.50€ Acquista
Articolo Precedente

Berlino, il caso dell’ex combattente ceceno ucciso in pieno giorno: espulsi due 007 di Mosca. E il killer arrestato “non esiste”

next
Articolo Successivo

Caruana Galizia, missione del Parlamento Ue lascia Malta: “Seri rischi per il rispetto dello stato di diritto”

next