Vuoi una SIM nuova? Serve il riconoscimento facciale, almeno in Cina. Da ieri infatti è in vigore la nuova legge che prevede la raccolta di dati biometrici tramite tecnologie di riconoscimento facciale per tutti gli utenti che acquistino una nuova SIM mobile. Un sistema di intelligenza artificiale si occuperà poi di collegare i dati del volto con il documento di identità, così da facilitare l’identificazione.

La legge, già annunciata lo scorso settembre dal Ministro per l’Industria e l’Information Technology, fa parte di un più ampio scenario per limitare la possibilità di navigare anonimamente in Rete, al fine di “proteggere i legittimi diritti e interessi dei cittadini nel cyberspazio”, come si leggeva nella nota di settembre.

Com’è noto in Cina il governo sta ormai adottando misure di riconoscimento facciale in tantissimi ambiti, dalla scuola ai posti di lavoro, passando per aeroporti e altri luoghi pubblici, in particolare nella regione dello Xinjiang, dove secondo molte associazioni per i diritti umani sono detenuti in quelli che il governo chiama campi di rieducazione, molti componenti di minoranze etniche e religiose.

Foto: Depositphotos
Foto: Depositphotos

Le perplessità riguardo alla privacy, alla sicurezza dei dati personali e al rispetto delle libertà individuali, non provengono comunque soltanto dall’esterno. Nonostante infatti molti cittadini abbiano accolto questo tipo di tecnologie, utilizzandole anche per effettuare pagamenti e altre operazioni finanziarie, ‎c’è anche chi è passato alle vie di fatto da un punto di vista legale.

Come racconta China Daily ad esempio lo scorso mese Guo Bing, docente associato di diritto presso l’Università Sci-Tech di Zhejiang, ha citato in giudizio ‎‎l’Hangzhou Safari Park‎‎ nella Cina orientale perché avrebbe costretto i possessori di biglietti stagionali a passare attraverso una corsia dedicata per effettuare operazioni di riconoscimento facciale, che avrebbero sostituito la precedente procedura di identificazione tramite scansione delle impronte digitali.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dorsali in fibra oceaniche usate per il rilevamento dei terremoti, uno studio sperimentale USA

next
Articolo Successivo

Huawei Watch GT 2, smartwatch con sconto di 40€ su Amazon

next