Stefania Grandinetti e Antonio Aricò dell’azienda agrituristica “Le Piagge” di Ponzone, in provincia di Alessandria, ci mostrano la realtà di disagio e isolamento che stanno vivendo in questi giorni a seguito di settimane di piogge e nubifragi. Frane e smottamenti hanno aperto crateri nelle strade e reso inutilizzabili o pericolosi i collegamenti con le città, mentre molte case risultano ancora raggiungibili solo a piedi e senza acqua potabile.

Come Stefania e Antonio, che ci mostrano la strada interrotta che, fino alla scorsa settimana percorrevano tutti i giorni per andare da Ponzone verso Acqui Terme, decine di persone si trovano quindi a vivere situazioni di isolamento e preoccupazione per il futuro.

Ortaggi distrutti, allevamenti allagati, vigneti e frutteti devastati, serre inagibili. “La stima dei danni economici subiti in queste settimane, nella sola provincia di Alessandria – spiega il referente territoriale di Coldiretti Andrea Branda che sta monitorando la situazione di agricoltori e allevatori – è sui dieci milioni di euro”. Ma oltre ai danni economici già subiti e quelli che si potrebbero sommare nei prossimi mesi, la paura degli abitanti di queste zone dell’Appennino tra Liguria e Piemonte è che i tempi per la messa in sicurezza delle strade possano essere lunghi, e questa attesa di un ritorno alla “normalità” possa essere infinita e trasformarsi in perdite di lavoro, fallimenti e abbandono di un territorio già ampiamente spopolato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, bimbo di 19 mesi in prognosi riservata per intossicazione da hashish. Denunciati i genitori

prev
Articolo Successivo

Ponte Morandi, ora Luciano Benetton scarica i suoi manager e fa la vittima: “Basta odio contro di noi, ci riteniamo parte lesa”

next