L’applicazione di realtà aumentata e virtuale Samsung XR a breve consentirà su smartphone e visori Samsung Gear VR di partecipare a concerti live, stando comodamente a casa. LiveXLive Media ha annunciato ieri di aver siglato un accordo con l’azienda sudcoreana per la distribuzione di 10 eventi esclusivi, che saranno caricati sulle piattaforme LiveXLive, SamsungVR.com e tramite app accessibili sui dispositivi Samsung. Si parla di immagini a realtà aumentata, video a 360°, ologrammi, etc.

“Con LiveXLive in Samsung XR, gli spettatori saranno in grado di interagire con eventi musicali di riferimento attraverso l’eccitante tecnologia di prossima generazione, tra cui olografie, video volumetrici e realtà aumentata in loco. Inoltre, gli spettatori avranno l’opportunità di godere di contenuti VR (virtual reality, NdR.) e 360 ​​originali in forma lunga e breve, inclusi i progetti pilota e le collaborazioni di artisti esclusivi di LiveXLive”, ha spiegato la specialista in streaming.

LiveXLive oggi rappresenta l’avanguardia del live streaming grazie ai diritti di esclusiva (e non solo) che hanno ottenuto su più di 1500 festival musicali. Dall’aprile 2019 la società ha prodotto più di 291 ore di contenuti live riguardanti 233 artisti di fama internazionale e realizzato più di 300 contenuti video, podcast, interviste, etc.

In sintesi con l’accordo tra LiveXLive e Samsung la musica live diventa a portata di smartphone e con un’esperienza più coinvolgente di quella che si può avere su YouTube o altre piattaforme. Inoltre, se da una parte la 4G ha permesso di muovere i primi passi in questo contesto, con la prospettiva 5G saranno disponibili sempre più contenuti con un maggiore dettaglio e risoluzione senza rallentamenti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Astro Gaming A40 TR, cuffie gaming con amplificatore dedicato

next
Articolo Successivo

Honor MagicWatch 2, uno smartwatch che promette 14 giorni di autonomia

next