Ana Maria Lacramioara, la 30enne uccisa il 22 novembre dal suo amante a Partinico, nel Palermitano, era incinta di quasi quattro mesi e aspettava un maschio. La conferma arriva dall’autopsia terminata nella tarda serata di lunedì sul corpo della vittima all’Istituto di Medicina legale del Policlinico di Palermo. La giovane, secondo quanto riferiscono i medici legali, è stata colpita da almeno dieci coltellate, quella fatale alla gola.

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri la donna, insieme all’amante Antonino Borgia, imprenditore di 51 anni, si trovava su un furgone in un cantiere dove lavorava l’uomo quando ha rivelato di aspettare un figlio da lui. L’uomo l’ha pugnalata più volte alla pancia. La ragazza è riuscita a scappare e a chiedere e intanto gridava a Borgia: “Ma che fai, aspettiamo un bambino, io ti amo”. A quel punto il 51enne avrebbe convinto la 30enne a risalire sul furgone per portarla in ospedale: lei ha accettato, ma l’uomo lungo la strada si è fermato di nuovo e prima l’ha colpita a bastonate, e poi le ha tagliato la gola per poi abbandonare il cadavere in aperta campagna e ritornare al lavoro. Fino ad alcune ore dopo, quando ha confessato ai carabinieri l’omicidio. Per l’uomo si sono aperte le porte del carcere, come deciso dal gip del Tribunale di Palermo che lunedì sera ha rigettato la convalida del fermo ma ha emesso la misura cautelare in carcere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rieti: si procura taniche di benzina, dà fuoco al marito e lo uccide. Moglie gravemente ustionata

next
Articolo Successivo

Firenze, coppia aggredita per strada: fermato l’aggressore che ha ferito anche il cane. Donna ricoverata in codice rosso

next