Vietato parlare di antifascismo in biblioteca. A prendere questa decisione è il sindaco leghista di Pompiano (Brescia), Giancarlo Comincini, che ha negato la presentazione in biblioteca del libro “Il cuore nero della città” del giornalista 28enne Federico Gervasoni, da un anno sotto sorveglianza per le minacce di morte subite a seguito della pubblicazione dell’opera.

In una lettera indirizzata a Sara Acerbis, capogruppo consiliare di minoranza, organizzatrice dell’evento, il primo cittadino ha scritto: “Ritengo opportuno “lasciar fuori” la politica dalla biblioteca, luogo di cultura e non di credo politico”.

Parole che hanno sorpreso in primis Gervasoni: “Io faccio il giornalista, il mio libro è sull’antifascismo ed è un libro che non ha opinioni: da persona che da sempre è abituata a dialogare con i leghisti, mi sarei aspettato una risposta diversa. Quando hai una risposta del genere c’è qualcosa che non va: l’antifascismo è un principio della Costituzione. Se rifiuti il fatto che si possa discutere di antifascismo in biblioteca non ho parole. Probabilmente il libro non l’hanno neanche letto”.

In queste ore Gervasoni è finito suo malgrado di nuovo al centro della polemica, ricevendo insulti e minacce per la sua posizione: “Non ho mai detto che il sindaco è fascista. Semplicemente però trattandosi di un libro scomodo sono convinto che dia fastidio a qualcuno perché la risposta del primo cittadino non è molto piacevole. Mi hanno rifiutato una data che non ho organizzato e sono diventato la vittima di nuovo di insulti e minacce. Vengo spesso associato ai centri sociali quando in realtà sono solo un antifascista convinto che ha fatto il lavoro da cronista andando a conoscere da vicino anche CasaPound per raccontarla”.

Gervasoni ricostruisce la vicenda: “Ero stato in un paese vicino, la Acerbis era venuta a sentirmi e così mi ha contattato per organizzare la presentazione. Quando mi ha chiesto dove preferivo farla ho risposto che io vado sempre nelle biblioteche. Nel 90% dei casi sono andato in biblioteche di Comuni della Lega, di Destra o di Sinistra senza problemi. Io non sono un politico ho buoni rapporti con tutti. Stasera sono ad Adro amministrato dalla Lega”.

A Gervasoni è stata negata la biblioteca ma non annullata la presentazione: “Mi viene concessa una sala riunioni che rifiuto perché non sono d’accordo con la spiegazione con la quale mi viene negata la biblioteca. Se qualcuno pensa che fare antifascismo sia fare politica, si sbaglia. Siamo in un momento storico in cui io vivo sotto sorveglianza a 28 anni per le minacce di morte; Liliana Segre e Paolo Berizzi sono sotto scorta. Quando scrivi di fascismo non è semplice, soprattutto a Brescia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bambini picchiati nella scuola della moschea a Padova, l’ex imam faceva anche propaganda antisemita: prefetto decreta la sua espulsione

next
Articolo Successivo

Cannabis e legalizzazione, l’attivista Gracis: “Serve chiarezza, bisogna informare meglio. Settore canapa si evolve, in Italia tutto fermo”

next