La Lega nel Partito popolare europeo? “Ho tanta immaginazione però ci sono dei limiti”: è la risposta ironica del presidente Donald Tusk, ex presidente del Consiglio europeo. Una ipotesi che peraltro il suo predecessore, Joseph Daul, sgombera dalla discussione così: “Posso dire che finora non abbiamo ricevuto alcuna richiesta della Lega di diventare membro del gruppo”. Ciononostante Marco Zanni, eurodeputato della Lega e capogruppo di Identità e democrazia all’Europarlamento, vuole mettere a verbale che “non staremo mai con quelle forze che, con scelte politiche folli e scellerate, si sono rese responsabili della disintegrazione dell’Europa, rendendo le nazioni Ue più povere, meno sicure e meno protette”. “Noi lavoriamo e lavoreremo per superare gli schemi che appartengono al passato e per avere un’Europa più attenta alle esigenze dei territori” conclude Zanni.

A Zagabria, al congresso del Ppe, Antonio Tajani è stato eletto vice di Tusk, unico italiano tra 10. “Sulla Lega – dice – mi auguro che in Europa faccia dei passi in avanti e magari, perché no, possa aderire al gruppo dei Conservatori. Noi siamo nel Ppe e loro decideranno il da farsi”. All’appuntamento era presente anche il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi: “Non c’è un discorso di dialogo” fra la Lega ed il Ppe, “non è all’ordine del giorno, semplicemente Salvini, anche nell’ultimo incontro, ha ribadito di essere disponibile a giudicare i proponimenti, i vari progetti del Partito popolare europeo al Parlamento europeo e sulla base del singolo progetto dare la sua adesione o meno”. L’ex presidente del Consiglio assicura comunque di voler fare da “tramite fra ciò che avrà deciso il Partito popolare europeo e le decisioni che assumerà la Lega”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Immigrazione, la Grecia rischia di trovarsi invischiata in un vicolo cieco

prev
Articolo Successivo

Bce, Lagarde: “Continueremo politica accomodante. Ma servono investimenti”. E cita San Francesco: “Fare l’impossibile”

next