L’evoluzione tecnologica del selfie si chiama Spelfie e invece di affidarsi allo smartphone sfrutta la rete satellitare di Airbus. BBC spiega che la nuova app Spelfie (per Android e iOS) – da space selfie – consente a chi vuole organizzare un evento di poter godere di uno scatto dall’alto. Il sistema di notifica segnala a tutti i partecipanti il momento e il luogo esatto del passaggio satellitare; a quel punto chi è presente sul luogo può realizzare a sua volta dei selfie da condividere sulla piattaforma. Il risultato finale, a distanza di qualche ora, è quello di ricevere una doppia foto abbinata: da una parte lo scatto dai cieli; dall’altra quella dell’utente.

L’idea è simpatica e senza dubbio capace di aggiungere un tocco di esaltazione alle manifestazioni o gli eventi più disparati. Ad esempio recentemente Spelfie è stata impiegata durante “Bye bye plastic bags Bali”, una flash mob del movimento ecologista internazionale organizzato in Indonesia il 18 novembre scorso. In quel caso dall’alto si poteva vedere la scritta “Act Now” (agite adesso). In passato Spelfie è stato usato anche durante il festival musicale di Glastonbury, eventi sportivi e culturali, etc.

Oggi l’app è utilizzabile durante eventi, ma la prospettiva è che possa essere impiegata in ogni contesto. Ad esempio il portavoce dell’azienda che inglese che l’ha sviluppata, Anthony Burr, ha dichiarato che “potresti essere nel Grand Canyon e l’app dirti se il satellite sta passando”. Inoltre si sta cercando con Airbus di velocizzare il processo di elaborazione delle immagini per consentire gli invii a pochi minuti dal passaggio dei satelliti.

L’unico problema irrisolto è quello dell’eventuale presenza di condizioni atmosferiche avverse: in questo caso lo scatto mostra solo nuvole e il punto che localizza l’area.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Acronis True Image 2020, abbiamo provato la suite dedicata ai backup

next
Articolo Successivo

Realme XT, lo smartphone economico ma potente arriva in Italia in esclusiva su eBay

next