Dopo essere stato bocciato a un primo esame lo scorso 14 novembre, ora il commissario ungherese designato all’Allargamento, Oliver Varhelyi, è stato promosso dalla Commissione Affari Esteri del Parlamento Europeo (Afet nel gergo comunitario) che ha dato “semaforo verde” col sostegno del Ppe (all’interno del quale ci sono gli eurodeputati di Fidesz), dei Socialisti e democratici (S&D) e dai Liberali di Renew Europe. Ora, sulla via del voto il 27 novembre alla plenaria di Strasburgo, resta da sciogliere il nodo del commissario britannico, che il primo ministro britannico Boris Johnson, in piena campagna elettorale, si guarda bene dall’indicare. Domani si riunirà la conferenza dei presidenti di commissione del Parlamento, presieduta da Antonio Tajani, cui seguirà la conferenza dei presidenti giovedì 21. È possibile che si riunisca il Coreper, nel Consiglio, per attestare che la Commissione si possa insediare con soli 27 componenti, pur avendo uno Stato membro che si rifiuta di indicare un commissario. La presidente eletta Ursula von der Leyen continua a puntare ad insediarsi il primo dicembre.

Chi è Oliver Varhelyi – Fedelissimo di Viktor Orban ma non iscritto al suo partito, nelle risposte ai quesiti dei membri della commissione per gli affari esteri, che gli chiedevano una presa di distanza dalle politiche sovraniste del premier magiaro ha chiarito: “Non sarò vincolato né influenzato da alcuna dichiarazione o posizione di alcun Primo Ministro di qualsivoglia paese o rappresentante di alcun governo”. Varhelyi ha aggiunto che in qualità di Commissario, il suo “unico obiettivo è attuare le priorità politiche dell’Ue verso tutti i partner dell’allargamento e del vicinato, elaborare e attuare politiche nei Balcani occidentali e nel vicinato orientale e meridionale, sotto la guida dell’Alto rappresentante Ue e in piena collegialità in un vero e proprio spirito europeo”.

Il via libera di oggi arriva dopo un primo stop degli eurodeputati che, dopo averlo ascoltato in audizione aveva deciso di rimandarlo ad un nuovo esame. Al centro delle preoccupazioni i legami tra Varhelyi e Orban e, in particolare, alcune dichiarazioni di quest’ultimo, secondo cui l’Ungheria utilizzerà il portafoglio dell’Allargamento per promuovere gli interessi della Turchia. Giovedì scorso il commissario designato dalla Francia per la delega al Mercato Interno, Thierry Breton, e quella rumena per la delega ai Trasporti, Adina Valean avevano ricevuto l’ok dei deputati. Loro, come Varhelyi, ora dovranno passare l’ultimo esame il 27 novembre. Un voto sulla Commissione tout-court che molti analisti non danno per scontato, in cui si sveleranno i giochi e si vedrà quale sarà la maggioranza che sostiene von der Leyen, considerato che a luglio era passata con solo 9 voti di scarto, grazie al M5S.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ue, seconda bocciatura del Parlamento per il commissario ungherese. Ok per il francese Breton e la rumena Valean

prev
Articolo Successivo

Ue, trovato accordo sul bilancio 2020. “Più fondi per crescita, occupazione giovanile e azioni per il clima”

next