In pochi mesi si sarebbero messi in tasca più di un milione di euro, con prelievi fraudolenti fatti dopo avere rubato bancomat e carte di credito durante la spedizione ai clienti. La Polizia postale dell’Emilia-Romagna ha scoperto e smantellato una banda di ladri, con un blitz nel Centro meccanizzato delle Poste di via Zanardi, a Bologna. Gli agenti hanno arrestato in flagranza tre giovani ‘trasfertisti’ di 22, 23 e 26 anni, tutti campani. Processati per direttissima, sono stati condannati a pene che vanno dai 10 mesi ai 13 mesi di reclusione. L’indagine, coordinata dal pm Flavio Lazzarini, è nata da segnalazioni di alcuni istituti di credito che, dal marzo di quest’anno, hanno denunciato la sottrazione dal circuito di spedizione di numerose carte elettroniche di pagamento. Bancomat e carte risultavano essere state poi utilizzate per sottrarre ingenti somme di denaro ai clienti, tutti puntualmente risarciti dalle banche stesse.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Matera, il sindaco: “Situazione tornata alla normalità, ma maltempo ha creato difficoltà”. Prima stima: danni per 8 milioni di euro

prev
Articolo Successivo

Milano, spruzzano spray al peperoncino nel bagno della scuola: tre ragazzini in ospedale

next