Va a letto con un terribile mal di testa e la mattina dopo muore. È quanto accaduto alla 21enne Jessica Cain di Gateshead nel Regno Unito colpita in poche ore da una meningite fulminante. La ragazza era tornata casa con un forte mal di testa e aveva preso del paracetamolo, riporta il Sun. È stata poi la madre Sheila, la mattina successiva ad entrare nella sua stanza da letto, nel tentativo di capire come stesse la figlia. Ma arrivata di fianco al letto ha fatto la macabra scoperta. Jessica era morta. A nulla è servito il tentativo di rianimarla e di chiamare un’ambulanza. La ragazza aveva smesso di respirare da diverse ore. “Abbiamo scoperto la causa della sua morte cinque giorni dopo, quando abbiamo ricevuto una telefonata del coroner – ha spiegato la madre – Prima di allora non avevamo assolutamente idea di cosa fosse successo. Mi è passato di tutto per la mente. Ci chiedevamo se avesse avuto un’emorragia cerebrale o un infarto. Siamo rimasti scioccati quando abbiamo scoperto che si trattava di meningite. Non si poteva far nulla per salvarla. Nessuno di noi può credere che se ne sia andata”.

La 21enne studiava alla Art Therapy dell’Università del Derby con specializzazione in assistenza e cura ai malati di autismo. Viveva a casa con la madre, il patrigno e la sua piccola cagnina Lily. Secondo la testimonianza della madre, Jessica era tornata a casa stanca: “Le ho detto di mettersi a letto. Erano circa le 19 quando è andata a dormire, ma poi l’ho rivista anche più tardi. Mi ha detto che sarebbe andata dal dottore se non si fosse sentita meglio e poi ci siamo salutate. Nessuno poteva sospettare nulla. Il mal di testa è un disturbo abbastanza comune”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Paura per i passeggeri a Sharm el-Sheikh: l’aereo prende fuoco sulla pista d’atterraggio. Il video

prev
Articolo Successivo

Donna partorisce all’ingresso di una discoteca: il bimbo avrà l’ingresso gratis per tutta la vita

next