Apple ha presentato il nuovo MacBook Pro 16, la punta di diamante della linea portatile espressamente progettata per rispondere alle esigenze dei professionisti e della clientela più esigente. Il design è rimasto invariato rispetto al precedente modello da 15 pollici – per altro scomparso dal listino. Tre gli elementi chiave: un display Retina da 16 pollici, prestazioni fino all’80% più veloci e nuova Magic Keyboard.

Il pannello Retina di questo portatile è il “più grande di sempre”: 16 pollici, risoluzione di 3072 x 1920 pixel con una densità di 226 pixel per pollice (ppi) e 500 nit di luminosità. “Ogni display è calibrato singolarmente in fase di produzione per garantire la massima accuratezza di gamma, punto di bianco e colori primari”, assicura Apple.

Sotto il profilo hardware il nuovo MacBook Pro 16 integra i più recenti processori 6-core e 8-core di nona generazione, con velocità Turbo Boost fino a 5GHz, per garantire prestazioni fino a 2,1 volte più scattanti rispetto a MacBook Pro 15 quad-core. Offre inoltre fino a 64GB di memoria ancora più veloce e un design con gestione termica più evoluta. Si parla di un evoluto design delle ventole integra una girante di dimensioni superiori con pale e prese d’aria più grandi, per un flusso d’aria incrementato del 28%. Anche il dissipatore è più grande del 35%, per una dispersione termica superiore. “Queste innovazioni migliorano la capacità di raffreddamento e permettono a MacBook Pro 16″ di sopportare fino a 12 Watt in più durante i carichi di lavoro più intensi rispetto al design precedente”, sottolinea l’azienda.

Da sottolineare poi il raddoppiamento dell’archiviazione SSD che passa da 512GB a 1TB sulle configurazioni standard. “Inoltre, per la prima volta può essere configurato con uno sbalorditivo spazio di archiviazione di ben 8TB: l’SSD più grande mai installato in un notebook”, sottolinea Apple.

Anche l’area grafica è stata rinnovata. Presente infatti la nuova AMD Radeon Pro 5000M, la prima GPU dedicata mobile da 7 nm per gli utenti professionali. Il tutto abbinato a memoria video GDDR6 e, per la prima volta, un’opzione VRAM da 8GB.

La tastiera si affida a un meccanismo a forbice riprogettato che garantisce un’escursione dei tasti di 1 mm per un feeling più piacevole e stabile; la cupola di gomma progettata da Apple immagazzina più energia potenziale per una reattività superiore alla pressione. Un dettaglio riguarda il ritorno del tasto Esc fisico e di una configurazione a “T” rovesciata per i tasti freccia, oltre a Touch Bar e Touch ID. Completano la dotazione un un sistema audio a sei altoparlanti, una batteria con autonomia superiore, trackpad Force Touch, quattro porte Thunderbolt 3 (USB-C), supporto Wi-Fi, Bluetooth 5.0 e videocamera FaceTime HD a 720p.

Il MacBook Pro 16, con macOS Catalina, è già disponibile negli Apple Store e sul sito ufficiale Apple con un prezzo di listino che parte da 2799 euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La carne stampata in 3D si appresta a conquistare i menu dei ristoranti europei dal 2020

prev
Articolo Successivo

Conto corrente Google con Citibank e Stanford Federal Credit Union, dal 2020

next