Una piazza pedonale, disegni e giochi dipinti per terra; i bambini che giocavano, saltavano, ballavano. Questa estate ci capitai per caso e la ammirai con stupore. La piazza delle Rimembranze, a Porto Recanati, era un gioiello di semplicità e bellezza. Ma come spesso succede, le cose troppo belle non durano. Soprattutto se circondate da una società auto-centrica e adulto-centrica che rivendica avidamente i propri spazi.

L’estate è finita e le auto sono tornate. Così ha deciso il Comune. Sono tornate a mettere le ruote dove i bambini mettevano i piedi, a imbrattare di olio i disegni dipinti con tanta cura. Applaudono i commercianti, che (mal comune in buona parte dell’Italia) continuano senza dati, senza prove, senza buon senso, a sostenere che le zone pedonali allontanano i clienti. Un’altra delle motivazioni portate a favore della “spedonalizzazione” della piazza è che i bambini in autunno, in inverno e in primavera non ci sono. Spariscono. Vanno in letargo? Quasi: rinchiusi nelle scuole, nelle case, nelle palestre, davanti la tv o davanti ai videogiochi. Non c’è alcun bisogno che stiano a correre nelle piazze, sottraendo spazio alle auto e ai loro indaffarati proprietari.

La terza motivazione è ancora più buffa: motivi di sicurezza. Ebbene sì, sembra infatti che nella piazzetta di sera si aggirassero tipi loschi e che si sedessero addirittura sulle panchine. Seguendo questa logica, bisogna dedurre che le auto posteggiate abbiano un sicuro effetto di deterrenza sullo spaccio, che gli spacciatori non possano spacciare dentro o intorno le auto, e i parcheggi siano i luoghi più sicuri al mondo. A quanto pare, quindi, per portare pace e sicurezza in un quartiere bisogna sommergerlo di auto.

D’altra parte, non molti mesi fa, Gianluca Vinci, deputato e segretario per l’Emilia della Lega, a Reggio Emilia sosteneva: “Lo spacciatore va a piedi o in bicicletta, la brava gente di solito usa l’automobile”. È difficile stabilire se tutte queste motivazioni siano più ridicole o tristi, banali o vergognose, e se è meglio ridere o infuriarsi. Le mamme di Porto Recanati si sono ribellate. Sabato scorso hanno fatto un flashmob ri-occupando la piazza con i loro bambini. E speriamo che vadano avanti, per liberare dalle ruote la bellezza disegnata a terra, per ridare spazio al gioco dei loro bambini.

Perché i bambini non esistono solo se turisti e solo d’estate; i bambini esistono ogni mese dell’anno e, come dice Francesco Tonucci – pedagogista del Cnr – “sono indicatori del benessere della città. Se una città è a misura dei bambini, è a misura di tutti”. I bambini non vanno relegati in ghetti e recinti, in gabbie dorate, che siano la casa, la scuola o la palestra, il parco o il babyparking (che orribile nome, purtroppo molto adatto ai tempi!). I bambini devono poter attraversare la città a piedi o in bici, pian piano anche da soli.

La presenza dei bambini restituirà bellezza, sicurezza e vivibilità alla città. Ma per fare questo occorre togliere spazio alle auto: vanno rese pedonali le strade davanti alle scuole, vanno ridotti i posti auto (come dimostrano varie ricerche e come afferma anche The Economist, i parcheggi sono attrattori di traffico e ogni posto auto in più è un’auto in più che cercherà di raggiugerlo), vanno pedonalizzate le piazze, vanno liberati i cortili. Il mondo è pieno di esempi positivi, non bisogna inventarsi nulla: basta prendere il treno, visitare e copiare. Da Zurigo a Vauban (Friburgo), da Copenaghen a Oslo a Pontevedra.

Da noi tanti amministratori, per non togliere spazio alle auto, continuano a dire: “i bambini devono imparare a convivere con le auto”. No, allo stato attuale i bambini stanno solo cercando di sopravvivere alle auto. E spesso non ci riescono, visto che gli incidenti stradali sono il primo motivo di morte dei bambini dai 5 ai 14 anni, in Europa.

È stato da poco reso obbligatorio il seggiolino antiabbandono: come se fosse normale, per una società frettolosa, stressata e adultocentrica, dimenticarsi un bimbo così come si dimentica un pacco. Eppure non si fa nulla per ridare lo spazio negato ai bambini, lo spazio per crescere, vivere, giocare, camminare e pedalare.

La prossima settimana è la settimana dedicata ai diritti dei bambini: che la piazza delle Rimembranze sia dedicata al gioco dei più piccoli, che il comune di PortoRecanati ci ripensi. Che ogni comune, piccolo e grande, tolga spazio alle auto e dia più diritti ai bambini. Staremo tutti meglio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Antonello Nicosia, la lezione da trarre è quella di stare in guardia dai ‘buoni per professione’

next
Articolo Successivo

Dungeons & Dragons ha cambiato il modo di giocare. E dopo 45 anni appassiona ancora

next