“Cara signora senatrice, sono rimasto inorridito nell’ascoltare la notizia che lei ha dovuto ricevere protezione a garanzia della sicurezza a causa delle minacce antisemite. Sono profondamente dispiaciuto che le circostanze che mi portano a scriverle siano così dolorose”. Inizia così la lettera di solidarietà scritta dal presidente israeliano Reuven Rivlin alla senatrice Liliana Segre, destinataria di 200 messaggi di odio al giorno e, per questo, dal 7 novembre sotto scorta.

“Nessuna parola – ha aggiunto Rivlin nella sua lettera pubblicata anche sulla sua pagina Twitter – può esprimere in maniera adeguata il mio orrore e disgusto per il fatto che lei sia esposta a tale comportamento criminale. Come sopravvissuta all’Olocausto, lei ha visto le terribili e tragiche conseguenze dell’antisemitismo. Come senatrice a vita della Repubblica italiana, le sono stati riconosciuti i suoi altissimi meriti per la patria. Come attivista per la giustizia e contro il razzismo e l’antisemitismo, lei lavora instancabilmente per un mondo migliore“. Nella lettera poi sottolinea come il caso di Liliana Segre sia solo un “altro terribile esempio della realtà per gli ebrei in Europa oggi. Ma credo che la risposta più appropriata sia continuare a fare quello in cui crede. Uguaglianza, diritti umani, accettazione dell’altra persona e tolleranza sono centrali nell’ebraismo e nei valori umani universali. Sono le fondamenta su cui sono basate le nostre vite, senza di esse siamo persone inferiori”.

La lettera poi si conclude con un invito: “La sua missione personale, la sua forza e il suo coraggio sono modello per noi in Israele e per le comunità ebraiche in tutto il mondo. Sarebbe un grande onore mio personale e per lo Stato di Israele, accoglierla a Gerusalemme e in Israele”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bolivia, anche l’esercito contro Morales. Il presidente annuncia le dimissioni: “Ho l’obbligo di operare per la pace”

next
Articolo Successivo

Hong Kong, poliziotto spara a un manifestante: la colluttazione e il momento in cui lo colpisce

next