La senatrice a vita Liliana Segre lo aveva inaugurato appena un mese fa e ora i vandali lo hanno preso di mira: hanno imbrattato con della vernice rossa l’illuminazione dell’anfiteatro del Giardino dei Giusti a Milano e scritto sulla segnaletica “Via le ruspe dal Monte Stella”. A denunciare l’accaduto è stato sabato mattina il presidente del Municipio 8, Simone Zambelli, annunciando un esposto contro ignoti anche sulle sue pagine social: “La bellezza è stata rovinata da qualcuno, che nella notte, con scritte sulla segnaletica verticale. Ma ancor più grave la stessa mano ha deturpato le luci dell’Auditorium del Giardino dei Giusti appena inaugurato dalla nostra amata senatrice Liliana Segre. Come Municipio 8 faremo un esposto di denuncia contro ignoti”.

Non è la prima volta che nella zona compaiono scritte simili, dato che l’ampliamento del Giardino, luogo simbolo in città nato per celebrare gli uomini e le donne che hanno lottato in difesa dei diritti umani e contro i genocidi e i totalitarismi, è da tempo contestato da una parte dei cittadini del quartiere. Per Gabriele Nassim, il presidente di Gariwo, l’associazione che lo gestisce, “non è un caso che questa provocazione sia avvenuta il giorno dopo la decisione del Prefetto di affidare una scorta alla senatrice”, per mano di “quanti cercano di creare un clima d’odio nel Paese”. Non solo: l’associazione ha precisato anche che l’anfiteatro Ulianova Radice è dedicato alla direttrice di Gariwo “scomparsa prematuramente lo scorso anno”.

Dura anche la reazione di Pierfrancesco Maran, assessore all’Urbanistica, Verde e Agricoltura del Comune di Milano. “Il fascismo è nostro nemico, ci combatte e noi lo combattiamo – ha sostenuto l’assessore -. Ora non resta che rimetterci al lavoro e sistemare le cose perché tutto sia a posto quando settimana prossima visiteremo il Giardino insieme alla moglie del politico perseguitato sotto il regime comunista, dell’allora Cecoslovacchia, Vaclav Havel”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Da Barbiana a Bibbiano”, il convegno che insulta don Milani. Il cardinale Betori: “Giù le mani”. E perfino Pillon alla fine rinuncia

prev
Articolo Successivo

Toscana, l’autostrada Firenze-Pisa chiusa per catturare animali selvatici pericolosi per i viaggiatori: presi anche 16 caprioli

next