Negli anni James Bond ha dimostrato che, oltre a essere un guidatore provetto nonché un estimatore di Aston Martin, è anche un abile motociclista: pertanto, nel prossimo film dell’agente 007 una piccola parte per la AMB 001 è quasi scontata. Trattasi della prima motocicletta disegnata da Aston e presentata a Eicma 2019, l’Esposizione internazionale del ciclo e motociclo in programma alla Fiera Milano fino al 10 novembre.

È stata realizzata in collaborazione con la Brough Superior, marca motociclistica britannica con sede a Nottingham: fondata nel 1919, ha avuto un periodo di oblio lungo diversi decenni, durato dal 1940, quando scoppiò la seconda guerra mondiale, sino al 2013.

“Questo è ciò che crediamo dovrebbe essere una moto all’avanguardia e siamo molto orgogliosi di vedere per la prima volta le ali della Aston Martin su una motocicletta”, afferma in una nota ufficiale Marek Reichman, a capo dello stile della Casa: “Oltre ad applicare le competenze che abbiamo sviluppato per auto come la rivoluzionaria Valkyrie, siamo stati anche in grado di portare la nostra esperienza speciale nelle tecniche artigianali tradizionali in questo progetto, disegnato dalle stesse matite che realizzano le vetture Aston Martin”.

Effettivamente, lo stile del mezzo sembra una fedele trasposizione motociclistica del design che distingue le vetture del brand automobilistico di Gaydon. Da queste ultime la AMB 001 eredita pure una commistione di colori cari alla Aston Martin Racing, il reparto corse del costruttore. Bella la sella rivestita di pelle e avveniristica la strumentazione digitale a colori, che diventa parte integrante del design.

Sofisticata la costruzione del telaio, fatto di fibra di carbonio. L’utilizzo di altri materiali intelligenti e leggeri, come titanio e alluminio, ha permesso di limitare il peso complessivo a 180 kg. Centoottanta sono anche i cavalli sviluppati dal propulsore bicilindrico V-twin turbo che spinge la moto.

Le prime AMB 001 saranno consegnate alla fortunata clientela a partire da fine 2020. Il prezzo è decisamente esclusivo: 108 mila euro. Del resto, ne saranno costruiti appena 100 esemplari, assemblati presso lo stabilimento della Brough Superior di Tolosa (Francia).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Eicma 2019, a Milano la 77esima edizione del salone delle due ruote

prev
Articolo Successivo

Kia Futuron concept, ecco come saranno i suv coreani di domani – FOTO

next