Quasi duemila metri di rete da pesca sventolano sospese di fronte alla Porta di Brandeburgo, a Berlino, nell’installazione creata dall’artista americano Patrick Shearn in occasione del trentesimo anniversario della caduta del Muro. Incastrate nella rete ci sono migliaia di strisce di tela colorata e ognuna riporta un messaggio scritto da persone comuni. Una decisione che Shearn spiega cosi’: “La maggior parte delle mie opere è molto astratta o in qualche modo iconica in una maniera molto differente ma mai motivata da un messaggio. Questa cosa di dare un significato la sentivo molto, avremmo dovuto renderla un’esperienza collaborativa che coinvolgesse tutti, perché ci sono voluti tutti per far crollare il Muro”

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dresda, città proclama “emergenza nazismo”. Cdu di Merkel non vota: “Errore linguistico”

next
Articolo Successivo

Libia, Italia chiede commissione congiunta con Tripoli: “Modificare il memorandum”

next