“Il piano anti-evasione resta e dobbiamo lavorare tutti insieme per portarlo a compimento. Il M5s gridava ‘onestà, onestà’, io ho accettato di fare politica perché loro si fidavano di me e io mi fidavo di loro”. Sono le parole, critiche, che il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha pronunciato da Perugia in riferimento alle dichiarazioni di Luigi Di Maio (e di Matteo Renzi), secondo cui il piano anti-evasione andrebbe a criminalizzare i commercianti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Governo, Di Maio a Conte: “No a ultimatum, senza M5s non esistono esecutivo e manovra”

prev
Articolo Successivo

Di Maio a Conte: “I suoi toni ci fanno male, senza il M5s non esiste il governo”

next