Sognava il calcio, sognava l’Italia. Così è partito dal Senegal, è salito su un barcone e ha raggiunto le coste italiane. Un anno dopo l’As Roma lo ha tesserato e giocherà con la Primavera giallorossa. È la storia a lieto fine di Ndiaye Maissa Codou, un ragazzo senegalese di 17 anni. Il suo sogno lo realizza prima nell’Afro Napoli United, una cooperazione sportiva dilettantistica sociale nata per la promozione dell’integrazione sociale attraverso lo sport, e ora nella Capitale.

“L’abbiamo visto giocare per strada, con degli amici e gli abbiamo chiesto di giocare nella nostra accademia”, le parole del direttore sportivo del club campano, Pietro Varriale a Retesport. “Noi poi l’abbiamo segnalato alla Roma, e due osservatori sono venuti a Napoli per vederlo giocare. I dirigenti sono stati spettacolari con Maissa, lui si è emozionato da morire quando è entrato a Trigoria: è stato il coronamento di un sogno. Lo volevano Napoli, Juventus e Benevento, ma lui ha scelto la Roma”.

Ora Maissa giocherà come difensore nella Primavera di Alberto De Rossi. La società giallorossa lo ha visionato diverse volte nel corso di un periodo di prova estivo e adesso ha deciso di portarlo a Trigoria. Mercoledì è arrivato il tesseramento e la foto di presentazione. Il suo approdo alla Roma segue di qualche settimana la denuncia del difensore Juan Jesus nei confronti di un tifoso che lo aveva aggredito sui social con insulti razzisti e la decisione del club di “dasparlo” a vita. Pochi giorni il tifoso èstato allontanato da tutti gli impianti sportivi perché colpito da un Daspo della prefettura.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Domeniche bestiali – In Trentino 10 anni e 2 mesi di inibizione per maxi rissa. E in Veneto record di espulsioni per bestemmie

prev
Articolo Successivo

Ti ricordi… Ciccio Dell’Anno, piedi sopraffini e una grande sfortuna: trequartista nell’era in cui i numeri 10 diventavano quasi un peso

next