Lo ha rifatto. Il telescopio Hubble ha scovato e fotografato meglio di altri il nuovo intruso del Sistema solare. La cometa interstellare 2I/Borisov. Il primo identikit era stato elaborato grazie alle immagini dei telescopi Gemini Nord alle Hawai e William Herschel a La Palma (Spagna) e lo studio pubblicato sulla rivista Nature Astronomy dai ricercatori dell’Università Jagellonica di Cracovia guidati da Piotr Guzik. A loro si deve lo sviluppo del programma informatico Interstellar Crusher che lo scorso 8 settembre, dopo aver esaminato senza sosta i dati online relativi alle nuove scoperte di comete e asteroidi, è riuscito a identificare questo ‘visitatore’ interstellare che era già stato avvistato il 30 agosto dall’astronomo amatoriale Gennady Borisov.

Tra il 10 e il 13 settembre i telescopi hanno poi restituito le prime immagini del corpo celeste. Michal Drahus, coautore dello studio, ricorda: “Abbiamo subito notato una chioma e una coda piuttosto comuni, che non avevamo visto intorno a Oumuamua”, l’intruso spaziale a forma di sigaro gigante che per primo, nel 2017, aveva fatto capolino nel Sistema Solare. “Questo è davvero
interessante – continua Drahus – perché significa che il nostro nuovo visitatore rientra tra le mitiche comete interstellari mai viste prima”. All’apparenza, 2I/Borisov ha una morfologia polverosa, dotata di una chioma vaporosa e rossiccia intorno a un nucleo solido di un chilometro di raggio. “In base a queste prime caratteristiche, l’oggetto sembra indistinguibile dalle comete native del Sistema solare”, aggiunge Guzik. “La cometa sta ancora emergendo dal bagliore mattutino del sole e sta anche aumentando la propria luminosità: sarà osservabile ancora per qualche mese – spiegano i ricercatori – e questo ci fa pensare che il meglio debba ancora venire”.

Foto dal sito di Hubble

Lo studio su Nature

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Utero artificiale, tra qualche anno potremmo assistere a una rivoluzione. Ma che dire delle perplessità etiche?

next
Articolo Successivo

Studente firma studio su retinite come primo autore, Sant’Anna di Pisa: “Allievo prodigio”

next