La California è il primo Paese al mondo a proibire la produzione e il commercio di pellicce. La decisione in difesa dell’ambiente è stata decisa dal governatore democratico Gavin Newson che ha messo al bando anche l’uso di animali come tigri ed elefanti nei circhi, la cattura e l’uccisione delle linci e la macellazione dei cavalli. Resta, invece, ancora a norma di legge il rodeo.

Il divieto, risultato di un inter legislativo avviato meno di un anno fa, entrerà in vigore il primo gennaio del 2023 e prevederà care sanzioni per i trasgressori: 500 dollari per ogni singolo articolo commercializzato o prodotto in violazione del divieto generale, più una seconda sanzione di 750 dollari, sempre per articolo in caso di reiterazione, entro l’anno, e una ulteriore sanzione di 1.000 dollari in caso di recidiva. Con delle eccezioni: esenti dal divieto, il pelo animale utilizzato per funzioni religiose o dalla tribù originarie d’America e, per ora, anche i pellami di bovino, capra o cervo, le pellicce usate, gli animali imbalsamati e quelli uccisi con regolare porto d’armi.

“Oggi è una giornata storica“, commenta l’organizzazione americana People for the Ethical Treatment of Animals (Peta). “La decisione californiana segna il definitivo tramonto di un’industria ormai al tracollo – commenta Simone Pavesi, responsabile Lav Area Moda Animal Free – alimentata dalla sofferenza e dall’uccisione di milioni di animali. Intanto le nostre istituzioni restano dormienti sulle proposte di legge vietare l’allevamento di animali e pellicce”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, in 200 sono sbarcati a Lampedusa nelle ultime ore: hotspot al collasso. Assegnato porto sicuro all’Ocean Viking: in 176 a Taranto

next
Articolo Successivo

Roma, scale mobili e disagi: Atac chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi, poi toccherà a Cornelia

next