Il giornalista (e non medico) Adriano Panzironi andrà a processo per esercizio abusivo della professione medica. Il guru della dieta che promette grazie al suo regime alimentare a base di proteine e integratori che vende assieme al fratello di far vivere fino a 120 anni e di guarire da ogni malattia – dal cancro al diabete, dalle mestruazioni abbondanti al glaucoma – rischia ora fino a 3 anni di carcere. Imputato in aula al suo fianco, nel processo previsto a marzo, ci sarà anche il fratello Roberto. Insieme producono gli integratori che servono per portare avanti lo stile di vita Life120, pubblicizzato nel programma televisivo “Il cercasalute” che lo stesso Panzironi autoproduce.

Secondo il pm Francesco Marinaro, come riporta il Corriere della Sera, Panzironi non è un dottore, nè un dietologo, tantomeno uno specializzato in scienze dell’alimentazione. Per questo motivo è accusato di esercizio abusivo. A presentare l’esposto contro di lui è stato l’Ordine del Medici di Roma. “Non si può suggerire un regime alimentare senza conoscere una persona, senza averla visitata, senza conoscerne le patologie, senza aver preso visione delle sue analisi. Si possono consigliare alimenti che non sono compatibili con le sue condizioni di salute. Per fortuna abbiamo trovato un giudice che ha accolto la nostra tesi”, spiega a Il Tirreno Antonio Magi, presidente dell’Ordine romano.

Panzironi è già stato sanzionato dall’Antitrust per “pratiche commerciali scorrete in tv”. Inoltre, è stato sospeso dall’Ordine dei giornalisti. Nel frattempo però continua ad andare in onda e il 30 giugno al Palazzo dello sport dell’Eur, a Roma, ha tenuto un raduno sulla sua dieta. Ora però dovrà spiegare a un giudice monocratico su quali titoli si basano i suoi consigli alimentari.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Savoini, l’Espresso: “La banca di Meranda e dell’hotel Metropol garantita da un manager dell’Eni citato nell’inchiesta su Amara”

prev
Articolo Successivo

Prescrizione, Ermini: “Senza processi brevi no alla riforma sullo stop dopo il primo grado”

next