Dopo una multa dell’Agcom di 264mila euro perché la sua tv, Life 120 channel, “ha trasmesso informazioni pubblicitarie potenzialmente lesive della salute”, una denuncia da parte dell’Ordine dei medici di Roma per esercizio abusivo della professione medica e una sospensione dall’Ordine dei giornalisti del Lazio, Adriano Panzironi si presenterà il 30 giugno al Palazzo dello sport dell’Eur, a Roma, per divulgare un regime alimentare a base di proteine e integratori che lui stesso vende assieme al fratello e che promette di far vivere fino a 120 anni e di guarire da ogni malattia. Dal cancro al diabete, dalle mestruazioni abbondanti al glaucoma. Panzironi ha noleggiato il Palazzo dello Sport per l’intera giornata.

Il Palasport è di proprietà di Eur spa, azienda al 90 per cento del ministero dell’Economia e delle Finanze e al dieci per cento di Roma Capitale, e dato in gestione alla All events spa. L’organizzatore della manifestazione di sabato però è Twis srl di Terracina (Latina), che ha pagato l’affitto dell’impianto a All events, su commissione di Panzironi. “Sono attese 4500 persone e una ventina di pullman da tutta Italia” ci spiega.

Il presidente della Federazione nazionale degli ordini dei medici, Filippo Anelli, ha immediatamente segnalato l’evento alle autorità competenti. “Non si può strumentalizzare la scienza medica per sostenere false speranze – dichiara Anelli -. Non si può giocare con la salute delle persone, specie se questo porta ad abbandonare le terapie per seguire un’illusione”. E poi l’appello ai cittadini “perché cum grano salis sappiano distinguere la relazione di cura con il proprio medico da facili e pericolose seduzioni, tanto più odiose quando giocano sulla fragilità che deriva dalla malattia”. La Fnomceo in passato aveva più volte allertato Nas e ministeri contro le teorie divulgate dal giornalista pubblicista e contro i medici che intervengono nelle trasmissioni sul canale di sua proprietà. “Panzironi si spaccia come un informatore scientifico ma quello che dice non ha alcuna evidenza scientifica” lo attacca Antonio Magi, il presidente dell’ordine dei medici di Roma, confidando nell’intervento della magistratura dopo la denuncia depositata.

Lo slogan di Panzironi che campeggia sui cartelli pubblicitari suona quasi come una minaccia alla scienza: “Una giornata storica che cambierà la medicina… per sempre”. Sconvolto anche il presidente della commissione Sanità del Senato Pierpaolo Sileri: “Io non avrei mai concesso uno spazio pubblico a un personaggio così discusso, già denunciato per le sue posizioni antiscientifiche. Con la salute non si scherza”.

Il ministro della Salute Giulia Grillo era intervenuta lo scorso dicembre contro il programma televisivo di Panzironi, chiedendo al Garante delle comunicazioni di prendere provvedimenti. E il 21 marzo è arrivata la sanzione. L’Agcom ritiene infatti che “l’intera programmazione dell’emittente ‘Life 120 Channel’ è totalmente finalizzata alla divulgazione dello stile di vita Life 120, di cui la vendita degli integratori della linea Life 120 costituisce il fulcro”. Definendo “pseudo-scientifico” l’approfondimento delle patologie che dà in pasto ai telespettatori. Mali che secondo lui si possono risolvere azzerando i carboidrati, gli unici colpevoli. Questo infine il duro commento di Walter Ricciardi, ex presidente dell’Istituto superiore di sanità, professore di Igiene e Medicina preventiva dell’Università Cattolica e presidente eletto della World federation of public health association: “Panzironi mi sembra l’ennesimo capitolo delle varie saghe Di Bella, Stamina, siero Bonifacio. Ma in quei casi c’era almeno qualcuno laureato in discipline scientifiche, a parte Stamina il cui fondatore era uno psicologo. Nel caso di Panzironi non c’è neanche quello: c’è un giornalista, che non so in cosa sia laureato, che dice che farà arrivare tutti i cittadini a vivere 120 anni attraverso una serie di cose che vede solo lui. È roba da Far West“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sea Watch, l’appello dei migranti a bordo: “Non ce la facciamo più, siamo esausti. Fateci scendere”

prev
Articolo Successivo

Sea Watch, attesa per decisione Cedu. Salvini: “Possono stare fino a Natale”. Capitano: “Migranti sbarcano lo stesso”

next