Per la prima volta dopo quasi 40 anni le autorità dell’Iran hanno aperto le porte dello stadio alle donne e circa 3.500 spettatrici, alle quali è stato riservato un settore specifico, hanno raggiunto gli spalti dell’impianto Azadi di Teheran per la sfida contro la Cambogia, valida per le qualificazioni ai prossimi mondiali in Qatar, nel 2022. L’apertura arriva un mese dopo la morte di Seher Khodayari, la 29enne che si è data fuoco dopo essere stata arrestata per aver cercato di entrare nello stadio della capitale durante una partita. Con la nascita della Repubblica Islamica, alle donne era stato vietato dal 1981 di assistere a gare sportive maschili negli stadi: solo poche settimane fa il governo di Teheran ha ceduto alle pressioni della Fifa, che aveva minacciato di sospendere la Federazione. La nazionale iraniana ha dominato l’incontro vincendo con un punteggio da record, 14 a 0.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pena di morte: “Da undici anni scriviamo lettere a un detenuto americano condannato alla pena capitale. E non smetteremo mai”

next
Articolo Successivo

Oggi le ragazze vogliono responsabilità. L’odio non può fermare la loro lotta

next