Ricercatori dell’Ecole Polytechnique Fédérale de Lausanne hanno sviluppato Deep3DFly, un software di acquisizione del movimento basato sull’apprendimento profondo, che utilizza viste multiple della telecamera per modellare i movimenti di una mosca in tre dimensioni. L’obiettivo finale è quello di utilizzare questa conoscenza per progettare robot a forma di mosca.

Le mosche non sono insetti che affascinano gli esseri umani, che li associano ad esperienze poco piacevoli nella vita quotidiana. Ma hanno alcune caratteristiche e abilità che possono portare alla progettazione di un nuovo design per i sistemi robotici. Il professor Pavan Ramdya del laboratorio Brain Mind Institute dell’EPFL, spiega che “a differenza della maggior parte dei vertebrati, le mosche possono arrampicarsi su quasi tutti i terreni. Possono attaccarsi a pareti e soffitti perché hanno cuscinetti adesivi e artigli sulla punta delle zampe. Ciò consente loro di andare praticamente ovunque. È interessante, perché se puoi riposare su qualsiasi superficie, puoi gestire il dispendio energetico aspettando il momento giusto per agire”.

È stata l’idea di poter trarre insegnamento dai principi che regolano il comportamento della mosca a dare vita alla progettazione di robot. Il primo passo è DeepFly3D, un sistema di acquisizione dei movimenti della mosca Drosophila melanogaster, un organismo pressoché onnipresente in biologia.

Nell’impostazione sperimentale di Ramdya, una mosca cammina sopra una minuscola palla galleggiante, che potremmo immaginare come un tapis roulant in miniatura. Sette telecamere registrano ogni suo movimento. Il lato superiore della mosca è incollato a un supporto immobile, in modo che rimanga sempre in posizione mentre cammina sulla palla. Tuttavia, la mosca “crede” di muoversi liberamente.

Le immagini raccolte dalla telecamera vengono elaborate da DeepFly3D, un software di apprendimento profondo sviluppato dal dottorando Semih Günel. La particolarità di DeepFly3D è che può prevedere i movimenti della mosca e fare automaticamente misurazioni comportamentali a una risoluzione senza precedenti, per una varietà di applicazioni biologiche. Il software non ha bisogno di essere calibrato manualmente e utilizza le immagini della fotocamera per rilevare e correggere automaticamente eventuali errori che compie nei suoi calcoli. Infine, utilizza anche l’apprendimento attivo per migliorare le proprie prestazioni.

È così che DeepFly3D apre le porte a un nuovo modo di modellare in modo efficiente e preciso i movimenti, le pose e i movimenti articolari di una mosca della frutta, in tre dimensioni. Questo potrebbe portare a un modo standard per modellare automaticamente la posa 3D di altri organismi. “La mosca, come organismo modello, bilancia molto bene trattabilità e complessità. Se capiamo come fa quello che fa, possiamo avere un impatto importante sulla robotica e sulla medicina e, forse soprattutto, possiamo ottenere queste informazioni in un periodo di tempo relativamente breve.”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Twitter ha usato i dati dell’autenticazione a due fattori per rimpolpare le liste marketing

prev
Articolo Successivo

iPhone 11, la nostra prova premia le foto e le prestazioni, lo schermo poteva essere migliore

next