Dopo settimane in calo, la Lega torna a crescere nei sondaggi (30%) così come il Partito Democratico, che recupera qualche decimale e si attesta al 21,9%, mentre perdono quota il Movimento 5 Stelle (20,2) e il neonato Italia Viva di Matteo Renzi che si ferma al 3,5%. È quanto emerge dall’ultima rilevazione dell’istituto Ixè sulle intenzioni di voto degli italiani presentata martedì sera a Cartabianca su Rai 3. Leggera ripresa per Foza Italia che si attesta al 7,2, Fratelli d’Italia resta invece stabile all’8,5%.

Per quanto riguarda invece la fiducia nei leader politici, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte si conferma il preferito dagli italiani – anche se in calo – con il 44% dei consensi. Segue Matteo Salvini che recupera punti ed è testa a testa con Giorgia Meloni (34 vs 33), poi il dem Nicola Zingaretti e, infine, il leader del M5s Luigi Di Maio (24) seguito da Silvio Berlusconi (19) e Matteo Renzi (14).

L’analisi evidenzia inoltre che il taglio dei parlamentari, appena approvato dal Parlamento, riscuote un consenso elevatissimo nel Paese: l’88% degli italiani si è espresso a favore, in modo trasversale ai vari elettorali.

Quanto invece alle imminenti elezioni regionali in Umbria si prefigura un testa a testa tra il candidato giallo-rosso e Vincenzo Bianconi la candidata di centro destra Donatella Tesei, che al momento risulta avvantaggiata nei pronostici degli stessi elettori umbri. Bisogna sottolineare che a poco più di due settimane dal voto il tasso di indecisione si attesta su un livello insolitamente elevato (34%).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Umbria, quasi 6 milioni di fondi post terremoto alle aziende del candidato Pd-M5s. Lui: “Campagna elettorale sporca”

next
Articolo Successivo

F-35, un’ora di volo costa 40mila euro. Ma davvero ‘Giuseppi’ li compra?

next