Storica medaglia di bronzo per la ginnastica artistica italiana che vince il bronzo a squadre ai mondiali di Stoccarda. Le campionesse Giorgia Villa, Alice D’Amato, Asia D’Amato, Elisa Iorio e Desiree Carofiglio hanno battuto le atlete cinesi. Medaglia d’oro alla Stati Uniti, guidati dalla superstar Simone Biles, argento Russia. Il Coni le definisce “leggendarie”. L’impresa delle “Fate” ha fatto schizzare in trend su Twitter l’hashtag #Stuttgart2019. Per l’Italia si tratta di un risultato straordinario a meno di dieci mesi dalle Olimpiadi del 2020.


Sessantanove anni dopo Basilea, l’Italia conquista la seconda medaglia della sua storia nell’all-around, dopo quella vinta oltre mezzo secolo fa in Svizzera. Una magia riuscita proprio alle fate capaci di salire sul terzo gradino del podio (con 164.796) insieme agli Stati Uniti (172.330) e alla Russia (166.529). L’Italia che si è qualificata nei giorni scorsi per i Giochi Olimpici di Tokyo 2020, si mette invece alle spalle Cina, Francia, Gran Bretagna, Canada e Olanda. A festeggiare l’impresa anche la campionessa Vanessa Ferrari. “Che impresa a Stoccarda!!! L’Italia della ginnastica artistica ci regala uno storico bronzo, 69 anni dopo Basilea! Una magia che poteva riuscire soltanto alle nostre Fate!!! Bravissime ragazze e complimenti alla Federginnastica! Ora obiettivo Tokyo 2020!” scrive su Twitter il presidente del Coni, Giovanni Malagò.


Per gli Usa quello conquistato a Stoccarda è il quinto oro consecutivo ai Mondiali. Un titolo da record per la Biles, che diventa così la più medagliata di sempre nella storia della ginnastica femminile ai Mondiali. La 22enne di Columbus vanta infatti 21 podi nelle rassegne iridate, una in più della russa Svetlana Khorkina con cui condivideva il primato. Con 15 ori ai Mondiali la Biles ritocca inoltre il record di titoli iridati che già possedeva.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nba, Cina blocca le partite in tv dopo tweet pro Hong Kong del manager dei Rockets. La Lega: “Non fisseremo regole su ciò che si può dire”

next
Articolo Successivo

Olimpiadi Milano-Cortina, caccia al manager per il ruolo di amministratore delegato: c’è una terna di candidati (più Domenicali)

next