Non servirà chiudere il recinto, questo è certo, e anche se i vertici di Alfa Romeo non gradiranno, ormai è successo: le foto di quella che sembra essere la versione definitiva della Tonale sono finite in rete. Sembra che l’auto sia stata fotografata durante un evento riservato, dedicato a una piccola rappresentanza di potenziale clientela. Il Suv di medie dimensioni, a cui è legato il futuro commerciale del costruttore italiano, è stato mostrato agli ospiti che, sempre secondo la ricostruzione, avrebbero avuto l’opportunità di visionare l’automobile a confronto con alcune proposte della concorrenza, come Audi Q3, BMW X2, Nissan Qashqai e Range Rover Evoque. Evidentemente, qualcuno degli invitati, violando un presumibile patto di riservatezza, ha scattato qualche istantanea del veicolo per poi condividerla in rete.

Rispetto al concept svelato a marzo, nel corso del Salone di Ginevra, la Tonale immortalata in queste “foto spia” presenta dei gruppi ottici dalle sembianze più convenzionali ma mantiene inalterate le proporzioni generali del prototipo. I retrovisori laterali hanno forme più convenzionali ma sembra confermata la scelta di affogare la maniglia posteriore nella portiera, rendendola quasi invisibile: un vezzo del Biscione si dai tempi della 156. L’auto potrebbe subire ancora delle modifiche prima che il design venga “congelato” in vista della produzione in serie, ma le immagini in questione costituiscono un’indicazione più che buona circa il suo aspetto definitivo. Da notare, infine, il design leggermente diverso del paraurti posteriore e la particolare forma riservata alle uscite di scarico. Secondo i piani dell’azienda, la vettura potrebbe arrivare sul mercato nel 2021, quando sarà proposta a listino anche con motorizzazioni ibride plug-in (cioè ricaricabili pure alla presa di corrente domestica): Tonale verrà assemblata nello stabilimento di Pomigliano d’Arco, in Campania, dove FCA ha recentemente investito un miliardo di euro per aggiornare l’impianto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Greta Thunberg, all’auto conviene stare con lei

prev
Articolo Successivo

Honda CR-V Hybrid, la rivoluzione verde

next