Ha ucciso tutta la famiglia della ex fidanzata e poi è andato a costituirsi, all’alba. La prima ricostruzione dell’omicidio plurimo consumatosi nella famosa località sciistica tirolese di Kitzbuehel è stata fornita da un 25enne che all’alba è entrato nel commissariato di polizia della cittadina, ha posato la pistola con cui ha sterminato la famiglia sul tavolo e ha detto: “Ho appena ucciso 5 persone”. Nella cittadina tirolese è stato dichiarato il lutto cittadino.

Secondo quanto riferito dalla polizia, l’assassino era stato lasciato dalla ragazza 19enne due mesi fa. La sera di sabato 5 ottobre l’ha incontrata in un locale accompagnata da un altro ragazzo e hanno litigato. Alle cinque del mattino il giovane si è presentato a casa di lei e, dopo una nuova discussione, è stato mandato via dal padre della ragazza.

Il 25enne è quindi tornato a casa, ha preso la pistola del fratello, si è intrufolato nell’abitazione dell’ex fidanzata rompendo il vetro della finestra e ha ucciso la ragazza, il suo nuovo fidanzato e i familiari che si trovavano nell’appartamento. Quindi ha deciso di presentarsi in commissariato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Poliziotti uccisi a Trieste, “sparati in tutto 23 colpi”. Gip convalida il fermo: “Concreto pericolo di fuga”

next
Articolo Successivo

Bergamo, donna uccisa a coltellate: il marito si è arreso dopo un giorno di fuga

next