Un diverbio in tribuna tra genitori si è trasformato in rissa a Quarata in provincia di Arezzo dove sei squadre di bambini under 12 stavano giocando un torneo. La lite, tra una mamma e un uomo che stavano assistendo agli incontri, ha richiesto l’intervento dei carabinieri. Alcuni genitori sono intervenuti per difendere la donna dagli insulti.

Il fatto, accaduto lo scorso 29 settembre, è riportato dalla stampa locale. Intanto, in campo, i bambini, di sette anni, hanno smesso di giocare per osservare cosa stava succedendo in tribuna e sono poi rientrati negli spogliatoi “in lacrime”, come ha raccontato un genitore su Facebook che ha parlato di “scempio” e ha chiesto di condividere il suo post: “Genitori se non siete in grado di far crescere i vostri figli, insegnando a loro che non devono diventare Ronaldo, ma il gioco in quanto tale si chiama gioco non venite allo stadio. I bambini sono rimasti traumatizzati”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Trieste, l’omaggio delle forze dell’ordine per i due agenti morti. Il questore Petronzi commosso

prev
Articolo Successivo

Agenti uccisi a Trieste, come è potuto accadere? Ci sono due domande a cui rispondere

next