La condivisione degli ambienti di lavoro è un modello sempre più diffuso e redditizio: come riportato da un articolo di Immobiliare.it, nel 2018 il 42% degli spazi di coworking ha generato profitto, contro il 40% dell’anno precedente. Un dato che, a partire dal 2013, risulta in costante aumento.

Secondo un’analisi di Copernico – la rete di luoghi di lavoro, uffici flessibili e servizi di smart working – a contribuire a questo andamento positivo sono stati soprattutto gli uffici privati, che hanno permesso un incremento del guadagno del 9% e corrispondono al 27% del flusso totale di reddito del coworking. Dall’altro lato, anche la riduzione degli affitti di almeno il 3% ha reso questa soluzione più appetibile.

Al momento, 11 milioni di metri quadrati nel mondo sono occupati da uffici condivisi. Solo nel 2018 sono stati inaugurati 2 mila nuovi spazi, la metà dei quali si trovano negli Stati Uniti. La città più dinamica sembra però essere Londra, dove in media nasce un nuovo coworking ogni 5 giorni.

E l’Italia? Milano e Roma ospitano rispettivamente l’1,1% e lo 0,4% del totale degli spazi censiti in Europa ed entrambe stanno crescendo rapidamente. Solo negli ultimi due anni, il capoluogo lombardo è passato dal 2% al 10% di tutti i luoghi di smart working ospitati in Italia. Nel 2018, nella nostra Penisola si trovava un ufficio flessibile ogni 108 mila abitanti, e uno su quattro era ubicato al di fuori delle aree metropolitane, in cittadine con al massimo 50 mila abitanti.

I numerosi spazi presenti in Italia risultano però meno profittevoli rispetto alla media globale: nel 2017 si arrivava solo al 30%. Questo dato sembra derivare dalla concezione che si ha del coworking nel nostro Paese: anche se la maggior parte ha la forma giuridica di società di capitali, spesso questi spazi non nascono con lo scopo dichiarato di fare business, ma per cercare clienti e visibilità oppure semplicemente per ridurre le spese di gestione dell’azienda.

Senza dimenticare che più alto è il numero di persone che possono sfruttare il coworking, maggiori sono i profitti. In quest’ottica, a far guadagnare di più sono gli uffici privati, mentre le sale riunioni generano meno entrate.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trasformare parte della casa in studio: i consigli per i liberi professionisti

next
Articolo Successivo

Ristrutturazioni: sconto sul prezzo o cessione della detrazione?

next