Alta 40 metri e larga 10 metri. Sono queste le dimensioni della montagna di copertoni trovata dai carabinieri del nucleo subacqueo di Genova sui fondali del lago d’Iseo, al largo di Tavernola. La scoperta è arrivata durante il monitoraggio delle acque annunciato dal comandante provinciale dei carabinieri di Bergamo, Paolo Storoni, la scorsa settimana e iniziato lunedì. La montagna di gomme verrà ora analizzate da Arpa che, insieme ai carabinieri, deciderà se sia il caso di rimuovere i rifiuti o meno.

Secondo il Dossier laghi del Nord 2019, presentato da Legambiente nello scorso agosto, è la plastica la dominatrice delle acque lombarde: l’80% degli oggetti ritrovati sono in plastica, il 5% in vetro e il 5% in carta e cartone. Non mancano, seppur in percentuali ridotte, pezzi di metallo, gomma, tessili e legno. In gran parte, spiega Legambiente, sono rifiuti che derivano dalla cattiva gestione di quelli urbani, trasportati poi dal vento e da altri fattori dalle zone urbanizzate alla spiaggia. Ma non solo: il 7% dei rifiuti rilevati arriva anche da una cattiva depurazione. Come nei casi di bastoncini di plastica, aghi da insulina e contenitori delle lenti a contatto. Tuttavia, durante l’indagine di Legambiente, i campioni prelevati nel lago d’Iseo erano risultati entro i limiti consentiti. Ora, però, la scoperta della montagna di gomme che a poco a che vedere con l’azione del vento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Clima, Raggi: “Quella di Greta Thunberg una rivoluzione importantissima. Dobbiamo supportare i ragazzi che affrontano questa sfida”

next
Articolo Successivo

Giuseppe Conte vuole un Green New Deal. Bene, avrei qualche suggerimento

next